Gli acquisti in Sanità: le novità (scoordinate) della legge di stabilità 2016 e dello schema di DPCM sulle categorie mercelogiche (auspicando un intervento della presidenza del Consiglio)

Il 22 dicembre è stata definitivamente approvata dal Senato la legge di Stabilità 2016 e il 23 dicembre la Conferenza Unificata ha approvato lo schema di “Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri recante la determinazione delle categorie di beni e servizi e le relative soglie di obbligatorietà, di cui all’articolo 9, comma 3 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66” per gli anni 2016 e 2017.

Poiché la prima richiama il secondo negli articoli sugli acquisti di beni e servizi in sanità, ed i due testi stanno perfezionandosi più o meno contemporaneamente (la finanziaria ha raggiunto ormai l’assetto definitivo, mancando solo la pubblicazione mentre il dpcm non è ancora stato firmato,  e quindi potrebbe ancora cambiare, come si auspica per quello che si dirà subito), sarebbe stato naturale aspettarsi una perfetta simmetria tra i due testi.
Così non è, relativamente ad almeno due punti importanti: a) il soggetto deputato a fare gli acquisti per gli enti del SSN; b) entrata in vigore del divieto per gli enti del SSN di fare gare “in proprio”.

Prima di esaminare in dettaglio le distonie, è opportuno, per inquadrare le norme che si esamineranno in dettaglio, evidenziare che la legge di stabilità dedica agli acquisti di beni e servizi alcune norme speciali (commi 548/550), riservate agli enti del SSN ed incentrate sull’imposizione e  gestione dell’obbligo degli enti del SSN di acquisire beni e servizi di una tipologia e valore non direttamente, ciascuno per conto proprio, ma utilizzando necessariamente determinati altri soggetti (vedremo subito quali, questo essendo il problema principale) abilitati a gestire domande aggregate di beni e servizi, ossia, più concretamente e banalmente, a fare gara per una pluralità di soggetti.

Continua a leggere

 

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>