Soccorso istruttorio: termine di 10 giorni “prorogabile”

appalti_2

Le questioni pratico-applicative del soccorso istruttorio integrativo o “a pagamento” introdotto con il d.l. 90/2014 sembrano non avere fine e, come più volte annotato, la stessa giurisprudenza manifesta, o meglio, conferma le gravi difficoltà applicative di un istituto che, pur apprezzabile negli intenti, è stato sintetizzato in una disposizione scritta in modo davvero discutibile e,del resto, le prime problematiche sono state ampiamente evidenziate – prima ancora della conversione del decreto-legge – dalla stessa adunanza plenaria nella sentenza n. 16/2014 del Consiglio di Stato.

Recentissima questione si è posta in relazione ad una ordinanza cautelare del Consiglio di Stato, sez. IV, del 18.12.2015, n. 5627 che ha ritenuto il termine di 10 giorni, che la stazione appaltante assegna all’appaltatore per l’integrazione o la correzione dell’irregolarità essenziale sanabile in cui sia incorso – ai sensi del comma 2-bisdell’articolo 38 del codice dei contratti –, come prorogabile e quindi configurandolo non come termine perentorio ma come termine ordinatorio. Ponendosi, come si dirà più avanti, in completa antitesi con le prime riflessioni dell’ANAC e della stessa giurisprudenza e, infine, dello stesso dato testuale desumibile dalla disposizione.

È interessante, inoltre, esaminare la stessa sentenza di primo grado del TAR Lazio perché anch’essa – come si vedrà – sia pure per altri motivi, si pone in totale antitesi con le precisazioni fornite dall’ANAC con la nota determinazione n. 1/2015 con l’autorità anticorruzione cerca di inquadrare, riuscendoci solo parzialmente, l’ambito applicativo del nuovo istituto.

Continua a leggere

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>