Mancata indicazione degli oneri di sicurezza: perché non è possibile escludere senza soccorso istruttorio

cantiere-progetto-architetto-890x395_c

Le pronunce dell’Adunanza Plenaria del 2015 (la n. 3/2015 e la n. 9/2015) hanno trasformato la questione concernente l’indicazione degli oneri della sicurezza “aziendali” in un “grimaldello” da utilizzare al fine di rovesciare gli esiti delle gare di appalto.

Come noto, i giudizi di Palazzo Spada hanno:

  • con la pronuncia n. 3/2015, chiarito che l’omessa specificazione nelle offerte dei costi di sicurezza interni configura un’ipotesi di “mancato adempimento alle prescrizioni previste dal presente codice idoneo a determinare incertezza assoluta sul contenuto dell’offerta per difetto di un suo elemento essenziale” e, come tale, comporta “anche se non prevista nella lex specialis, l’esclusione dalla procedura”.;
  • con la pronuncia n. 9/2015, precisato che tale principio vale “anche per le procedure nelle quali la fase della presentazione delle offerte si è conclusa prima della pubblicazione” della predetta decisione dell’Adunanza Plenaria n. 3/2015.

Ora, sulla scia di siffatte pronunce, alcune aggiudicazioni sono state impugnate da parte di quelle imprese accorte e diligenti che, avendo puntualmente recepito le indicazioni dell’Adunanza Plenaria – e quindi specificato, in sede di offerta, l’ammontare degli oneri della sicurezza – si sono travate nella condizione di poter lamentare la illegittimità dell’aggiudicazione disposta in favore di imprese che, viceversa, avevano omesso siffatta specifica.

Cotinua a leggere

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>