Decreto trasparenza in Gazzetta Ufficiale

trasparenza-FOIA

Dal 23 giugno ogni cittadino potrà accedere senza motivazione ai dati in possesso della p.a.
Bisognerà aspettare le linee guida dell’Anac per sapere quando le p.a. possono rifiutarsi di fornire le informazioni

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell’8 giugno, il decreto trasparenza, il primo dei decreti attuativi della riforma Madia, noto per introdurre finalmente anche in Italia il Freedom Information Act (FOIA).

Si tratta del decreto legislativo 25 maggio 2016, n. 97 recante la “Revisione e semplificazione delle disposizioni in materia di prevenzione della corruzione, pubblicita’ e trasparenza, correttivo della legge 6 novembre 2012, n. 190 e del decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33, ai sensi dell’articolo 7 della legge 7 agosto 2015, n. 124, in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche”, che en

In sintesi il decreto sulla trasparenza della p.a. prevede che ogni cittadino possa accedere senza alcuna motivazione ai dati in possesso della pubblica amministrazione e che, non possa ricevere un diniego alla sua richiesta di informazioni se non motivato.

L’accesso riguarda tutte le informazioni comprese quelle che riguardano l’affidamento di gare ed appalti. L’invio di documenti in via digitale dovrà essere gratis. In caso di un rifiuto inoltre il cittadino potrà fare ricorso. Un nodo riguarda quello delle limitazioni ai dati accessibili e cioè il confine tra trasparenza e privacy.

In tema di accesso civico è stato eliminato l’obbligo di identificare chiaramente dati o documenti richiesti, è stata esplicitata la prevista gratuità del rilascio di dati e documenti, è stato stabilito che l’accoglimento o il rifiuto dell’accesso dovranno avvenire con un provvedimento espresso e motivato, è stato previsto che l’accesso è rifiutato quando è necessario evitare un pregiudizio concreto alla tutela di uno degli interessi.

“Abbiamo mantenuto la promessa. Il Foia è legge – aveva sottolineato il Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazion Marianna Madia al momento della sua approvazione definitiva. – Con il decreto attuativo della riforma della pubblica amministrazione, approvato definitivamente, l’Italia adotta una legislazione sul modello del Freedom of Information Act. I cittadini hanno ora diritto di conoscere dati e documenti in possesso della pubblica amministrazione, anche senza un interesse diretto».
«Nel corso del dibattito pubblico di questi ultimi mesi – aveva dichiarato il Ministro – mi ero impegnata affinché venissero recepite le condizioni espresse nei pareri delle commissioni parlamentari: chiedere un documento sarà gratuito; un’amministrazione che rifiuta il rilascio di un documento dovrà motivarlo in maniera chiara; il cittadino che si oppone al rifiuto di un’amministrazione di rilasciare un’informazione potrà rivolgersi al responsabile della trasparenza o al difensore civico e, in ogni caso, al Tar. Il FOIA può garantire la massima trasparenza della PA e la più ampia partecipazione dei cittadini, che possono esercitare un controllo democratico sulle politiche e le risorse pubbliche».
«L’impegno sulla trasparenza – ha concluso Marianna Madia – non finisce qui. A breve, con un metodo che sin qui ha funzionato, coinvolgeremo le realtà della società civile sull’open government e apriremo un percorso di confronto e lavoro comune».

logo-maggioliformazione
CORSO
Anticorruzione e trasparenza dopo il Decreto Legislativo 97/2016
Aggiornato con lo schema di Piano Nazionale Anticorruzione approvato dall’ANAC il 18 maggio 2016

1 commento su “Decreto trasparenza in Gazzetta Ufficiale

  1. La legge in questione e importante per il cittadino, con il rifiuto della P.A. quandi cittadini che percepiscono uno
    stipendio che gli permette di sopravvivere sono disposti a rivolgersi ad un avvocato ?, mi sembra che ogni legge
    che viene emanata è buona per i ricchi e non garantisce le classe più deboli.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>