Corruzione e nuovo codice degli appalti: l’affondo di Davigo

davigo

Il whistleblowing, l’istituto che tutela i dipendenti che segnalano i reati, previsto nel piano anticorruzione dell’Anac e materia di una proposta di legge passata alla Camera, “è una cosa stucchevole” e “fumo negli occhi”. Lo ha detto il presidente dell’Anm Piercamillo Davigo intervenendo ad un convegno sul contrasto alla corruzione organizzato dal Centro studi Antiriciclaggio e Anticorruzione con la collaborazione del Comune di Milano.

Per il presidente dell’Anm, dunque, l’istituto del whistleblowing, introdotto per contrastare la corruzione, non serve. “Stiamo parlando del nulla – ha chiarito Davigo, presidente di sezione della Cassazione ed ex pm del pool ‘Mani pulite’ – tutto questo si può sintetizzare come fumo negli occhi”.

Non solo, Davigo va all’attacco anche del codice degli appalti voluto dall’Anac. “Il legislatore, ma anche i mezzi di informazione, raccontano ai cittadini italiani cose sbagliate sulla corruzione, sugli appalti e sui fondi neri e sulla base di queste cose sbagliate si fanno norme che nell’ipotesi migliore non servono a niente e in quella peggiore creano danni”, ha affermato Davigo. “Scrivere norme sul codice degli appalti non serve a niente per curare la malattia”, che è la corruzione. “Che senso ha poi aumentare le pene se non si scoprono i corrotti e i corruttori?” si è chiesto ancora l’ ex pm del pool ‘Mani pulite’, il quale è tornato anche a ribadire che “non servono a molto le autorità amministrative” per il contrasto alla corruzione “perché ad esempio non possono fare intercettazioni”.

La replica di Orlando

“Davigo afferma spesso che l’aumento delle pene contro la corruzione non è sufficiente. Sono d’accordo con lui e per questo lo invito a dire se giudica utili o dannosi gli altri interventi che abbiamo fatto su questo fronte”. Così il Ministro della giustizia Andrea Orlando rispondendo ad una domanda sulle dichiarazioni del presidente dell’Anm Piercamillo Davigo.

Il Ministro ha enumerato le misure predisposte nei mesi scorsi quali “la reintroduzione di una effettiva sanzione per il falso in bilancio, l’introduzione del reato di auto-riciclaggio, l’estensione della responsabilità del funzionario pubblico all’incaricato di pubblico servizio, lo sconto di pena per chi collabora nelle indagini sulla corruzione. Questi sono interventi – ha detto – presenti nella legge anticorruzione. Vorrei sapere se Davigo li ritiene utili o dannosi”.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>