L’adeguata motivazione dell’affidamento diretto

riforma_appalti2

S. Usai (www.appaltiecontratti.it 7/9/2016)

E’ ampiamente nota l’affermazione che nel nuovo codice degli appalti le procedure (definite)  “semplificate”, previste per il sotto soglia comunitario sono state “sovrapposte” alle procedure previste negli artt. 121/124 e, per ciò che in questa sede si intende trattare, ai procedimenti di acquisizione in economia previsti nell’articolo 125 e negli artt. 326/338 del regolamento attuativo.

Il nuovo micro sistema normativo, soprattutto il riferimento alla possibilità, nell’ambito dei 40 mila euro, di effettuare un affidamento diretto purché adeguatamente motivato finisce per azzerare quelle certezze presenti nel pregresso sistema normativo.

Una prova evidente delle difficoltà di conciliare la possibilità dell’affidamento diretto con l’esigenza di una adeguata motivazione emerge dalle stesse riflessioni dell’ANAC espresse sia nello schema di  linea guida sui micro acquisti pubblicata ad aprile, sia nella più recente proposta non ancora definitiva pubblicata a giugno.

Se nel primo caso la motivazione adeguata doveva scaturire da una indagine di mercato e, comunque da un confronto tra preventivi – circostanza che fa venire meno ogni possibilità di parlare di affidamento diretto –, nella proposta di linea guida la questione sembra addirittura complicarsi alla luce del catalogo di motivazioni previste dall’ANAC in relazione agli i affidamenti nell’ambito dei  40 mila euro  tanto da rendere necessaria la riesumazione del regolamento delle acquisizioni in economia.

Regolamento,  il solo che, prescindendo da operazioni di valore contenuto, può legittimare effettivamente l’affidamento diretto ovvero una previa scelta dell’amministrazione appaltante (come nel pregresso regolamento) che individui beni/servizi/lavori e correlati importi in cui il RUP può proporre l’assegnazione diretta (ma sempre con una motivazione) ed altri casi in cui – pur nel silenzio della norma – l’amministrazione potrebbe stabilire la necessità di un previo, pur minimo,  confronto concorrenziale post una limitata indagine esplorativa.

>> CONTINUA A LEGGERE….

 Per continuare a leggere il contenuto di questa pagina è necessario essere abbonati.
Se sei già un nostro abbonato, effettua il login.
Se non sei abbonato o ti è scaduto l’abbonamento
>>ABBONATI SUBITO<<

Potrebbe interessarti anche

digital2 Editoria digitale

Come è cambiato il soccorso istruttorio con il nuovo codice dei contratti.

Contiene i nuovi modelli di comunicazione in materia di soccorso istruttorio
a cura di Salvio Biancardi

La riscrittura del codice dei contratti a seguito della riforma che ha portato all’approvazione del d.lgs.
50/2016 che ha introdotto importanti novità nella materia del soccorso istruttorio “a pagamento”, di cui
al d.l. 90/2014, convertito in legge n. 114/2014
Scaricalo a
€ 5,99
acquista_on_line

Indice

Premessa introduttiva

La disciplina originaria

La posizione espressa dall’ANAC

La posizione assunta dalla Corte dei conti, dalla dottrina e dalla giurisprudenza

Le disposizioni sul soccorso istruttorio contenute nel nuovo codice dei contratti

Flow chart soccorso istruttorio antecedente alla riforma del Codice

Flow chart soccorso istruttorio dopo la riforma del Codice

Conclusioni

l nuovi modelli di comunicazione in materia di soccorso istruttorio

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>