Anomalia delle offerte: ok alla motivazione per relationem se la valutazione è positiva

Close-up mid section of male judge banging gavel

S. Biancardi (www.appaltiecontratti.it 15/9/2016)

Nelle procedure di evidenza pubblica, il giudizio negativo di anomalia dell’offerta richiede una motivazione rigorosa ed analitica, invece non necessaria nell’ipotesi di esito positivo, per il quale è sufficiente una motivazione per relationem alle giustificazioni, in quanto adeguate, del concorrente. Lo ha stabilito il TAR Venezia (Veneto), sez. III, nella sentenza 14 giugno 2016 n. 630.

Secondo i principi generali ricavabili dall’art. 3, comma 3, della legge 241/1990 la motivazione non deve necessariamente essere illustrata nel provvedimento adottato, potendo essere contenuta in altro atto specificamente individuato, al quale venga fatto espresso rinvio. Si parla in questi casi di motivazione per relationem.

>> CONTINUA A LEGGERE…

Per continuare a leggere il contenuto di questa pagina è necessario essere abbonati.
Se sei già un nostro abbonato, effettua il login.
Se non sei abbonato o ti è scaduto l’abbonamento
>>ABBONATI SUBITO<<

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>