Principio di rotazione negli appalti: un paradosso giuridico

rotazione

L. Oliveri (La Gazzetta degli Enti Locali 14/10/2016)

La giurisprudenza amministrativa ha inaugurato l’ennesima querelle interpretativa della quale non si sentiva alcun bisogno: escludere, o non escludere, il precedente affidatario di un appalto, per garantire l’applicazione del principio di rotazione?

Il problema si pone, come sempre, perché sul punto i giudici si dividono. In particolare, i TAR vedono una certa prevalenza della tesi secondo la quale il precedente affidatario va sempre escluso. In Consiglio di Stato pare prevalere la teoria opposta.

La disciplina del principio di concorrenza nel d.lgs. 50/2016 sembra stia rafforzando nei giudici la convinzione che il principio di rotazione postuli la necessità di non coinvolgere, scaduto il contratto, il precedente affidatario in una nuova procedura (ovviamente, che non sia aperta o ristretta) per riaffidare la prestazione contrattuale.

Ne è un esempio evidente la sentenza del TAR Friuli Venezia Giulia, Sezione I, 4 ottobre 2016, n. 419, secondo la quale è da considerare legittimo il mancato invito di una ditta ad una procedura negoziata attivata in applicazione dell’articolo 36, comma 2, lettera b), del d.lgs. 50/2016 nel caso in cui si tratti dell’operatore economico che nell’anno precedente aveva svolto lo stesso servizio oggetto della gara. L’esclusione, secondo il TAR Friuli è giustificata appunto dal principio di rotazione, enunciato dall’articolo 36, comma 1, sempre del codice dei contratti, che costituisce, per il TAR, “una norma speciale relativa alle gare sotto soglia, la quale prevale sulla normativa sulle gare in generale”.

>> CONTINUA A LEGGERE…

 

Per continuare a leggere il contenuto di questa pagina è necessario essere abbonati.
Se sei già un nostro abbonato, effettua il login.
Se non sei abbonato o ti è scaduto l’abbonamento
>>ABBONATI SUBITO<<

Il nuovo formulario dell\'affidamento di servizi e forniture

Il nuovo formulario dell\'affidamento di servizi e forniture


Salvio Biancardi , 2016, Maggioli Editore

La pubblicazione del nuovo Codice dei contratti, D.Lgs. 18 aprile  2016, n. 50 (in Gazzetta Ufficiale n. 91 del 19/04/2016), segna una nuova tappa nella evoluzione della disciplina riguardante gli appalti   pubblici. Con il presente volume...


115,00 € Acquista

su www.maggiolieditore.it


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>