Il subappalto nel Codice appalti dopo il Decreto Correttivo: tra ritorno al passato e questioni irrisolte

subappalto

E’ stata varata la prima bozza del Decreto Correttivo al Codice degli appalti del 2016. In attesa che tale Decreto assuma la veste definitiva, vale la pena esaminare, sin da ora, alcune novità in tema di subappalto.

 

a cura di Arrigo Varlaro Sinisi
(Studio Legale Associato Gentile – Varlaro Sinisi –  www.studiogvs.it)

Al di là di alcune opportune precisazioni, per lo più formali (ad esempio, eliminazione, al primo comma, della locuzione “di norma”, che aveva generato dubbi interpretativi) la disciplina introdotta da tale Decreto correttivo segna, almeno in parte, un ritorno al recente passato.

Tale revirement, sembrerebbe essere stato imposto dalla necessità di rendere la disciplina del subappalto meno rigida, in linea con le indicazioni fornite sul tema dalla Corte di Giustizia (Sezione Terza, sentenza del 18 luglio 2016, nella causa C-406/14) la quale ha evidenziato che la direttiva comunitaria non pone particolari limitazioni agli affidamenti in subappalto

Vediamo, qui di seguito, quali sono le novità introdotte dal “Decreto Correttivo” in questione.

>> CONTINUA A LEGGERE…

 

Per continuare a leggere il contenuto di questa pagina è necessario essere abbonati.
Se sei già un nostro abbonato, effettua il login.
Se non sei abbonato o ti è scaduto l’abbonamento
>>ABBONATI SUBITO<<

 Vedi anche

SPECIALE DECRETO CORRETTIVO
A cura dei Appalti&Contratti

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>