Del potere della stazione appaltante di escludere dalla gara e dei compiti del RUP

stazione appaltante

Considerazioni sulla recente sentenza del Tar Lazio, Roma, sez. III-quater n. 4951/2017

a cura di Stefano Usai

Premessa

E’ interessante, soprattutto da un punto di vista pratico,  annotare le statuizioni che emergono dalla recente (e già notissima) sentenza del Tar Lazio, Roma, sez.   III- quater n. 4951/2017 in tema di poteri del RUP anche per evitare facili e, a sommesso parere, scorrette interpretazioni.
In sintesi, come si dirà più avanti, nella pronuncia si afferma che il RUP, avendo effettuato il controllo sulla documentazione amministrativa è per ciò stesso competente ad adottare le “determinazioni conseguenti.

La sentenza già è stata interpretata in modo decontestualizzato e con facili generalizzazioni.

Invece, premesse non irrilevanti sono che il RUP in questione era un dirigente  ed in quanto tale, oggettivamente, si deve ritenere soggetto dotato di prerogative di tipo definitivo (e quindi anche competente ad adottare provvedimenti – non solo – estromissivi)  e quindi, gestionali (la stazione appaltante interessata, e non deve essere sottovalutato, è una ASL).

Considerate le troppo facili generalizzazioni occorre, prendendo spunto proprio da alcuni passi della sentenza, verificare a quale soggetto/organo  nell’ambito della stazione appaltante competa il potere di escludere dalla gara rilevato, e non è cosa di poco conto, che già il Consiglio di Stato ha avuto modo di affermare in tempi neanche recentissimi che il ruolo del responsabile unico del procedimento deve essere inquadrato nell’ambito della legge 241/90.

>> CONTINUA A LEGGERE….

Per continuare a leggere il contenuto di questa pagina è necessario essere abbonati.
Se sei già un nostro abbonato, effettua il login.
Se non sei abbonato o ti è scaduto l’abbonamento
>>ABBONATI SUBITO<<

Per approfondire l’argomento
MAGGIOLI FORMAZIONE

Il RUP dopo il nuovo Codice dei contratti
e le Linee guida dell’ANAC n. 3/2016
Aggiornato con le novità introdotte dal Decreto correttivo
Firenze, 23 maggio 2017
Bologna, 21 giugno 2017

Rimani sempre aggiornato
Iscriviti alla newsletter di Appalti&Contratti

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>