Il sopralluogo è attributo essenziale dell’offerta per tutti gli appalti

sopralluogo

Il sopralluogo, con il nuovo codice dei contratti, diventa un aspetto “immanente” ed imprescindibile dell’offerta

a cura di Stefano Usai

Con il nuovo codice appalti, il sopralluogo diventa un aspetto “immanente” ed imprescindibile dell’offerta nel senso che l’appaltatore – a prescindere dal tipo di appalto – può predisporre, e presentare, la propria offerta solo “a seguito di una visita dei luoghi” eventualmente interessati dalla commessa.

È questa la sintesi della recente sentenza del TAR Basilicata, Potenza, sez. I, n. 439/2017. Pronuncia sicuramente utile, non solo per le stazioni appaltanti ma per gli stessi appaltatori in relazione al modo di intendere l’eventuale clausola che imponga il sopralluogo e la correlata verbalizzazione.
In particolare, ciò che rileva è la sostanziale differenza di prospettiva tra attuale codice dei contratti ed il pregresso sistema normativo (in specie il d.P.R. 207/2010) che limitava l’obbligo ai lavori o, su determinazione dell’amministrazione, ad ipotesi di servizio in cui il sopralluogo risultasse effettivamente necessario per poter presentare un’offerta attendibile.

>> CONTINUA A LEGGERE….

Per continuare a leggere il contenuto di questa pagina è necessario essere abbonati.
Se sei già un nostro abbonato, effettua il login.
Se non sei abbonato o ti è scaduto l’abbonamento
>>ABBONATI SUBITO<<

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>