I contratti di partenariato pubblico-privato e le nuove linee guida ANAC

A cura di
parternariato pubblico-privato

L’ANAC ha approvato con delibera n. 318 del 28 marzo 2018 le Linee guida n. 9 recanti “Monitoraggio delle amministrazioni aggiudicatrici sull’attività dell’operatore economico nei contratti di partenariato pubblico privato”.

Si tratta di un importante documento, previsto dall’art. 181, comma 4 del Codice, per il quale l’amministrazione aggiudicatrice esercita il controllo sull’attività dell’operatore economico attraverso la predisposizione ed applicazione di sistemi di monitoraggio, secondo modalità definite da linee guida adottate dall’ANAC, sentito il Ministero dell’economia e delle finanze, verificando in particolare la permanenza in capo all’operatore economico dei rischi trasferiti.

L’operatore economico è tenuto a collaborare ed alimentare attivamente tali sistemi.

Come si dà conto nella Relazione AIR, il partenariato pubblico-privato è diventato negli anni una scelta sempre più ricorrente delle pubbliche amministrazioni italiane, con riferimento alla realizzazione delle opere pubbliche e alla gestione dei servizi.

Nel 2016 risultano avviate oltre 7 mila procedure di PPP, che rappresentano meno del 38% delle procedure avviate nel 2014.

Le ragioni del forte decremento del numero di procedure non sono chiare; ciò che si osserva è che la contrazione riguarda soprattutto gli affidamenti di piccolo importo, specie quelli inferiori a 40 mila euro.

Il ridotto valore di numerose procedure di partenariato, osserva l’Autorità, è una caratteristica del mercato nazionale, anche dovuta a una difficoltà da parte delle stazioni appaltanti a comprendere le modalità con cui deve essere calcolato il valore stimato delle concessioni.

L’esperienza di vigilanza dell’Autorità ha mostrato, infatti, che in diversi casi le stazioni appaltanti tendono a confondere il valore stimato degli affidamenti con gli oneri a carico delle stesse, quali i contributi o i canoni, mentre a tenore dell’art. 167 del Codice il valore della concessione è costituito dal fatturato totale del concessionario generato per tutta la durata del contratto.

Oltre il 90% degli affidamenti è di importo inferiore a un milione di euro (più del 40% inferiore a 40 mila euro); per contro meno dell’1% degli affidamenti supera la soglia dei 20 milioni di euro.

Guardando alla tipologia contrattuale, si osserva che la stragrande maggioranza dei contratti di PPP riguarda le concessioni di servizi (oltre il 93% nel 2016).

Tra il 4% e il 5% sono le procedure relative alle concessioni di costruzione e gestione, meno del 2% quelle relative alla finanza di progetto, assolutamente marginale è la quota delle locazioni finanziarie.

Continua a leggere sul sito Periodici Maggioli

 

Partenariato Pubblico Privato e Project Financing

Dopo la Legge di bilancio 2018 e le Linee guida ANAC n. 9 sul monitoraggio dei contratti di PPP

Bologna 5 giugno 2018 Dettagli
Milano 12 giugno 2018 Dettagli

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *