I contratti continuativi di cooperazione

contratti continuativi di cooperazione

Il decreto correttivo al codice dei contratti ha introdotto all’art. 105, comma 3, la lettera c-bis), secondo la quale non si configurano come attività affidate in subappalto “le prestazioni rese in favore dei soggetti affidatari in forza di contratti continuativi di cooperazione, servizio e/o fornitura sottoscritti in epoca anteriore alla indizione della procedura finalizzata all’aggiudicazione dell’appalto. I relativi contratti sono depositati alla stazione appaltante prima o contestualmente alla sottoscrizione del contratto d’appalto”.

a cura dell’Avv. Claudio Bigi

La prima domanda che si pone è se le prestazioni rese in forza di quei contratti continuativi di cooperazione possano consistere anche in lavori, oltre a servizi e forniture.

La formulazione dell’inciso parrebbe sufficientemente ampia per poter dare una risposta affermativa al quesito, se non fosse che l’incipit del comma 3 è intitolato “alle seguenti categorie di forniture o servizi”, fra le quali rientrerebbe anche il comma c-bis).

>> CONTINUA A LEGGERE…

Per continuare a leggere il contenuto di questa pagina è necessario essere abbonati.
Se sei già un nostro abbonato, effettua il login.
Se non sei abbonato o ti è scaduto l’abbonamento
>>ABBONATI SUBITO<<

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *