Gli adempimenti preliminari delle stazioni appaltanti per l’utilizzo del BIM

BIM

In questo contributo tratteremo degli “adempimenti preliminari” all’uso del BIM, ovverossia gli adempimenti che le disposizioni normative impongono alle Stazioni Appaltanti per poter adottare il BIM.

a cura di Andrea Versolato e Angelo Rota

Introduzione

La scelta del Legislatore di subordinare il ricorso al BIM alla sussistenza di “certe condizioni” è in linea con le caratteristiche innovative del metodo e dello strumento di modellazione.

Difatti, il suo uso consapevole e performante –  sotto il profilo tecnico ma anche sotto il profilo della corretta collocazione nel sistema procedimentale e contrattuale – passa necessariamente da un percorso “a tappe”, in cui ciascuna rappresenta un punto cardine che deve essere acquisito.

Il D.Lgs. 18.4.2016 n. 50 e l’obbligo di formazione

La declinazione degli “adempimenti preliminari” è effettuata dal Legislatore già nel testo del D.Lgs. 18.4.2016 n. 50 (Codice dei Contratti Pubblici).

L’art. 23, c. 13, del D.Lgs. 50/2016 consente innanzitutto alla Pubblica Amministrazione di ricorrere al BIM: “Le stazioni appaltanti possono richiedere per le nuove opere nonché per interventi di recupero, riqualificazione o varianti, prioritariamente per i lavori complessi, l’uso dei metodi e strumenti elettronici specifici di cui al comma 1, lettera h)”, ovverossia “metodi e strumenti elettronici specifici quali quelli di modellazione per l’edilizia e le infrastrutture”.

L’articolo – dopo aver “aperto” al BIM – si preoccupa, subito, di stabilire il primo adempimento per il suo utilizzo:L’uso dei metodi e strumenti elettronici può essere richiesto soltanto dalle stazioni appaltanti dotate di personale adeguatamente formato”.

Il tenore letterale della norma è molto chiaro: l’avere personale adeguatamente formato è condizione per le Stazioni Appaltanti per chiedere l’uso del BIM. Con la conseguenza che la mancanza di tale qualifica nel personale mette in dubbio la stessa legittimità del ricorso al BIM.

>> CONTINUA A LEGGERE…

Per continuare a leggere il contenuto di questa pagina è necessario essere abbonati.
Se sei già un nostro abbonato, effettua il login.
Se non sei abbonato o ti è scaduto l’abbonamento
>>ABBONATI SUBITO<<

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *