Accesso civico generalizzato e codice dei contratti

A cura di
accesso civico

La recente sentenza del TAR Emilia Romagna, Parma, Sez. I, n. 197/2018, ed è abbastanza noto,  – semplificando –  ha escluso l’esistenza di “rapporti” tra la fattispecie dell’accesso civico generalizzato e gli atti del procedimento d’appalto.

Il giudice ha ritenuto legittimo il diniego opposto dalla stazione appaltante alla richiesta di accesso civico generalizzato (da parte di un concorrente) alla “ documentazione di gara nella sua interezza” ed in particolare al “contratto stipulato” ed ai “documenti attestanti i singoli interventi, i preventivi dettagliati degli stessi, l’accettazione dei preventivi, i collaudi ed i pagamenti con la relativa documentazione fiscale dettagliata”.

Documenti che il giudice ha qualificato come “atti delle procedure di affidamento e di esecuzione dei contratti pubblici” e, pertanto, riconducibili – e ciò come si vedrà è sostanziale – nell’ambito del  solo art. 53 del codice dei contratti.

La motivazione della stazione appaltante – nel negare l’ostensione – è che tale richiesta di accesso non poteva essere qualificata in termini di accesso civico generalizzato. 
Il giudice, con delle argomentazioni di cui si dirà  ha ritenuto valida questa motivazione ed in ogni caso ha evidenziato che gli atti dell’appalto non sono soggetti ad accesso civico generalizzato.

E’ bene da subito sottolineare che questa affermazione risulta in realtà smentita dall’ANAC con il parere contenuto nella delibera n. 317/2017 che, a ben vedere, appare maggiormente condivisibile.

>> CONTINUA A LEGGERE…

Per continuare a leggere il contenuto di questa pagina è necessario essere abbonati.
Se sei già un nostro abbonato, effettua il login.
Se non sei abbonato o ti è scaduto l’abbonamento
>>ABBONATI SUBITO<<

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *