Sulla procedura semplificata dell’affidamento diretto decide solo la stazione appaltante (anche se consultare, o meno, più appaltatori)

A cura di
affidamento diretto

La recente sentenza del TAR Molise, Campobasso, Sez. I del 14 settembre 2018, n. 533 riveste una certa rilevanza pratica, per i RUP, per le indicazioni fornite in tema di procedimento semplificato ed affidamento diretto dell’appalto.

Dalla decisione emerge che l’affidamento diretto – naturalmente legittimato dall’importo a base d’asta (entro i 40mila euro) – è un procedimento di assegnazione congegnato appositamente dal legislatore che, in tale fattispecie, ha inteso privilegiare il dato della speditezza (e dell’economicità della procedura) sacrificando il rispetto formale di garanzie partecipative e delle regole classiche dell’evidenza pubblica.

In sostanza, e per semplificare, l’apparato normativo che caratterizza il classico procedimento ad evidenza pubblica non è adeguato per gli appalti di importo “contenuto” – purché nell’ambito delle micro soglie stabilite dal legislatore – ed il RUP non è tenuto ad ossequiarlo né ad assicurare particolari partecipazioni né motivazioni chirurgiche.

>> CONTINUA A LEGGERE…

Per continuare a leggere il contenuto di questa pagina è necessario essere abbonati.
Se sei già un nostro abbonato, effettua il login.
Se non sei abbonato o ti è scaduto l’abbonamento
>>ABBONATI SUBITO<<
Le procedure semplificate sotto-soglia e gli affidamenti diretti dopo l’aggiornamento delle Linee guida ANAC n. 4

Firenze 2 Ottobre 2018 Dettagli
Torino 4 Ottobre 2018 Dettagli
Napoli 15 Novembre 2018 Dettagli
Catania 20 Novembre 2018 Dettagli
Verona 18 Dicembre 2018 Dettagli

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *