Incarichi tecnici all’esterno e responsabilità per danno erariale

funzioni

Sussiste responsabilità per danno erariale qualora non sia stata effettuata una “reale” ricognizione dell’assenza delle professionalità interne della quale il giudice contabile possa effettuare un sindacato in termini di congruità e adeguatezza motivazionale

Breve commento a sentenza 34/2018 e a sentenza 35/2018 della sezione giurisdizionale di Trento della Corte dei Conti

a cura di Daniele Passigli

Sono assolutamente degne di segnalazione due recenti sentenze della sezione giurisdizionale di Trento della Corte dei conti, che hanno rispettivamente condannato e assolto gli amministratori ed il segretario comunale di un comune trentino in relazione ad affidamenti di incarichi professionali esterni effettuati sulla base della normativa provinciale in materia di lavori pubblici.

Con la prima decisione, cioè con la sentenza 34/2018 la responsabilità per danno erariale è stata ritenuta sussistente nel caso di affidamento, a professionista esterno all’amministrazione, di un incarico di direzione lavori e di sicurezza in fase di esecuzione di assenza di adeguata e congrua motivazione che esponga in termini puntuali le ragioni per le quali risulta l’impossibilità di utilizzo del personale interno o dell’attrezzatura necessaria.

Con la seconda decisione, cioè con la sentenza 35/2018 è stata, viceversa, ritenuta insussistente detta responsabilità allorché detto incarico affidato a soggetto esterno risulti effettivamente non affidabile all’interno dell’amministrazione per ragioni puntualmente esposte.

>> CONTINUA A LEGGERE…

AFFIDAMENTO DI CONSULENZE, INCARICHI, RAPPORTI DI COLLABORAZIONE, CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI E VANTAGGI ECONOMICI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI

Bologna, 9 novembre 2018

Docente: Stefano Toschei – Consigliere di Stato

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *