Lavori, le Province sdoppiano le centrali uniche

Per continuare a leggere i contenuti di questa pagina è necessario essere abbonati

Non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento?

Sei già abbonato?
Effettua il login, inserendo nome utente e password negli appositi spazi

Hai dimenticato la password?

© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti su “Lavori, le Province sdoppiano le centrali uniche

  1. Buongiorno.
    Forse al legislatore sfugge che le provincie hanno carenze evidenti in termini di risorse e personale.
    Si è chiesto se la provincia di riferimento del comune rifiuta perché impossibilitato a fornire tale servizio? Il comune come potrà effettuare i suoi appalti?

    • E’ anche vero che vi sono Province che ormai da qualche anno – come previsto dall’art.1 comma 88 della legge 56/2014 – svolgono tali funzioni per i Comuni che hanno aderito alle stazioni uniche Appaltanti presso le stesse province.
      Il problema del personale esiste. Ma basterebbe prevedere la facoltà di “mobilitare” dai Comuni – laddove vi sia personale esperto in materia – presso gli Uffici provinciali delle SSUUAA. Indubbiamente si tratta di una scelta importante…ma se le Province devono restare (vedi referendum) che almeno siano valorizzate sotto il profilo di ambiti territoriali ottimali per alcuni servizi tra cui l’aggregazione delle procedure di appalto.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *