Rotazione anche nei confronti di chi si è aggiudicato la gara “ordinaria” e l’esigenza di definire con norma l’ambito applicativo dell’alternanza tra affidatari

Autore:
rotazione

Anche se il pregresso affidatario è divenuto tale per effetto di una procedura ad evidenza pubblica, nel successivo procedimento semplificato finalizzato ad aggiudicare una commessa uguale o riconducibile allo stesso settore, non può comunque pretendere di essere invitato ed il RUP è tenuto a far prevalere il principio di rotazione.
In questo senso si esprime la recente sentenza del TAR Lazio, Latina, Sez. I, n. 578/2018.

La posizione di vantaggio del pregresso affidatario

Le considerazioni espresse dal giudice si fondano sulla rilevanza (e sulla possibile “strumentalizzazione” a propri fini) della particolare posizione che il contraente assume nei confronti della pubblica amministrazione.

>> CONTINUA A LEGGERE…

Per continuare a leggere il contenuto di questa pagina è necessario essere abbonati.
Se sei già un nostro abbonato, effettua il login.
Se non sei abbonato o ti è scaduto l’abbonamento
>>ABBONATI SUBITO<<

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *