Accordo quadro e divieto di estensione

La CGUE ritiene legittima l’estensione di un accordo quadro ad amministrazioni non firmatarie se individuate e con quantificazione delle prestazioni

La Corte di giustizia UE afferma la compatibilità con il diritto europeo della clausola di estensione di un accordo quadro ad amministrazioni aggiudicatrici diverse da quelle che lo hanno stipulato, a condizione che le stesse siano chiaramente individuate e che sia determinata la quantità delle prestazioni che potranno essere richieste, non essendo a ciò sufficiente il riferimento all’ordinario fabbisogno delle amministrazioni non firmatarie

Documenti collegati

CGUE, sez. VIII, sentenza 19 dicembre 2018, C-216/17

sotto-soglia

L’accordo quadro quale strumento per semplificare gli acquisti ed eseguire i lavori di manutenzione

Milano 18 gennaio 2019 Dettagli
Napoli 5 marzo 2019 Dettagli
Torino 16 aprile 2019 Dettagli
Verona 28 maggio 2019 Dettagli

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *