Cantone: difendo il codice degli appalti, non è stato il freno alle grandi opere

Per continuare a leggere i contenuti di questa pagina è necessario essere abbonati

Non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento?

Sei già abbonato?
Effettua il login, inserendo nome utente e password negli appositi spazi

Hai dimenticato la password?

© RIPRODUZIONE RISERVATA

1 commento su “Cantone: difendo il codice degli appalti, non è stato il freno alle grandi opere

  1. Il ns Presidente ANAC è pure presuntuoso. Ritengo che non abbia mai analizzato le complessità del Codice per capirne la complessità. Altro aspetto: non ha ancora capito che la dinamica dei lavori è cosa diversa rispetto alla fornitura di beni e servizi. A mio avviso non è mai stata fatta una ulteriore analisi dei costi da inefficienza (alias burocrazia) suddivisi tra pubbliche amministrazioni e operatori economici derivanti dalla complessità del codice dei contratti e delle relative soft law.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *