Ambito soggettivo di applicazione della trasparenza a Fondazioni, Associazioni ed enti di diritto privato, anche privi di personalità giuridica

trasparenza

Gli elementi di identificazione vanno evidenziati in nota integrativa

di Ilenia Imola

Nell’ambito soggettivo di applicazione del d.lgs. n. 33/2013, di cui all’art. 2bis, tra gli altri enti variamente partecipati vengono contemplati anche Fondazioni, Associazioni ed enti di diritto privato, anche privi di personalità giuridica.

L’intensità dell’applicazione normativa a tali soggetti varia in base a determinati criteri che, secondo l’interpretazione fornita dalle Linee Guida ANAC n. 1134/2017, conducono ad una distinzione tra enti controllati e non controllati.

E’ il caso qui di ricordare che una tale distinzione fa riferimento solo alla specifica disciplina della trasparenza e dell’anticorruzione, poichè il controllo non è previsto in ambito civilistico relativamente a soggetti giuridici diversi dalle società.

Continua a leggere….

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *