A&C Channel

Sei abbonato? accedi

Che cos’è Appalti&Contratti CHANNEL?

È il nuovo servizio che garantisce un’informazione costante e tempestiva sulle principali novità giuridico-normative che riguardano il settore.

Il servizio prevede lo svolgimento di 11 video conferenze all’anno visibili in diretta o in differita – con cadenza mensile e della durata di un’ora circa – tenute dall’Avv. Alessandro Massari.

In ogni singolo appuntamento sarà anche approfondito un tema specifico di particolare interesse per gli addetti ai lavori: veri e propri focus operativi con la proposta di schemi e modelli di atti, scaricabili e personalizzabili.

Il servizio include l’invio di “A&C Quindici”, la circolare quindicinale finalizzata al supporto operativo delle stazioni appaltanti e degli operatori economici nell’applicazione di procedure e adempimenti. (scarica il 1° numero)

 

Cosa sono e come funzionano le videoconferenze

Con le video conferenze partecipi ad un vero e proprio corso direttamente dalla tua scrivania: è sufficiente una postazione connessa a internet e un collegamento audio (consigliate le cuffie).

Tutte le video conferenze potranno essere seguite in diretta: a seguito dell’iscrizione ad ogni singolo appuntamento, riceverai una email automatica con il link che ti consentirà di accedere alla video conferenza.

Se non puoi seguire la diretta, potrai rivedere le registrazioni delle video conferenze ogni volta che vorrai.


Come aderire al servizio

Appalti&Contratti Channel è un servizio esclusivo riservato agli abbonati a:
– www.appaltiecontratti.it
– periodico “Appalti & Contratti
– periodico “Rivista trimestrale degli appalti
– periodico “I contratti dello stato e degli enti pubblici
– periodico “L’ufficio tecnico

 

ABBONATI SUBITO PER IL 2017 A PARTIRE DA 90,00 (+ IVA)

Per informazioni contatta il nostro servizio clienti tel. 0541/628200, oppure all’indirizzo e-mail: clienti.editore@maggioli.it

calendar
CONSULTA il CALENDARIO degli APPUNTAMENTI

Guarda la videoconferenza


Gli acquisti di beni e servizi: cosa cambia con la legge di stabilità 2016
del 16 novembre 2015