MAGGIOLI EDITORE - Appalti & Contratti


Mascherine: controllo dei certificati di conformità
ACCREDIA: Mascherine, come riconoscere un'attestazione valida

Come riconoscere un'attestazione valida

A seguito all?emergenza sanitaria Coronavirus, Accredia sta ricevendo numerose richieste di conferma/validità/affidabilità di documenti che dovrebbero attestare la conformità dei Dispositivi di Protezione Individuale (DPI) alle norme applicabili.

Verificare la validità di un certificato di conformità di un DPI

Nel seguito, Accredia fornisce alcune indicazioni per riconoscere un certificato valido di attestazione della conformità di un DPI, emesso ai sensi del Regolamento UE 425/2016 da un organismo notificato.

CONTROLLARE GLI ELEMENTI ESSENZIALI CHE IL CERTIFICATO DEVE CONTENERE

Se il documento da verificare è un certificato UE, emesso ai sensi del Regolamento UE 425/2016 sui DPI da un organismo notificato, questo deve contenere almeno le seguenti informazioni: a) nome e numero di identificazione dell?organismo notificato; b) nome e indirizzo del fabbricante e, qualora la domanda sia presentata dal mandatario, nome e indirizzo di quest?ultimo; c) identificazione del DPI oggetto del certificato (numero del Tipo); d) dichiarazione in cui si attesta che il Tipo di DPI soddisfa i requisiti essenziali di salute e di sicurezza applicabili; e) se le norme armonizzate sono state applicate in tutto o in parte, i riferimenti di tali norme o parti di esse; f) se sono state applicate altre specifiche tecniche, i loro riferimenti; g) se del caso, il livello di prestazioni o la classe di protezione del DPI; h) per i DPI prodotti come unità singole per adattarsi a un singolo utilizzatore, la gamma delle variazioni consentite dei parametri pertinenti sulla base del modello di base approvato; i) la data di rilascio, la data di scadenza e, se del caso, la data o le date di rinnovo; j) le eventuali condizioni connesse al rilascio del certificato; k) per i DPI della categoria III, una dichiarazione secondo cui il certificato deve essere utilizzato solo in combinazione con una delle procedure di valutazione della conformità di cui all?articolo 19, lettera c).
NOTA BENE Le informazioni di cui ai punti e), f), g), h) potrebbero anche non essere sempre presenti in base alle scelte progettuali e costruttive dei diversi fabbricanti.
 

VERIFICARE ON LINE LA NOTIFICA DELL?ORGANISMO CHE HA EMESSO IL CERTIFICATO

Per essere sicuri che il certificato che contiene gli elementi sopra riportati sia stato emesso da un organismo notificato per tale tipologia di DPI, si può effettuare un controllo al link https://ec.europa.eu/growth/tools-databases/nando/index.cfm?fuseaction=directive.notifiedbody&dir_id=155501, che riporta l?elenco degli organismi notificati in Europa per il Regolamento UE 425/2016. Bisogna verificare se nella specifica notifica è riportato il DPI oggetto della ricerca (Equipment providing respiratory system protection).
NOTA BENE Se il documento su cui si vogliono eseguire accertamenti, non contiene le informazioni sopra riportate o non è stato emesso da un organismo notificato per lo specifico DPI, quel documento non è un certificato per marcatura CE di un DPI.
 

CONTROLLARE CHE IL CERTIFICATO RIPORTI IL LOGO ACCREDIA E CONTATTARE L?ORGANISMO CHE HA EMESSO IL CERTIFICATO

Per accertarsi della reale emissione di un certificato (che deve riportare il nostro logo nel caso di DPI certificati da parte di organismi accreditati da Accredia) si deve in ogni caso contattare il soggetto che lo ha emesso ed è l?unico che può dichiararne l?emissione, lo stato di vigenza, la corrispondenza al DPI oggetto della certificazione o addirittura la falsità. Tale verifica può essere generalmente eseguita direttamente on line sul sito web dell?organismo interessato o inviando una e-mail.

ATTENZIONE A DOCUMENTI SOMIGLIANTI MA CHE NON SONO CERTIFICATI AI SENSI DEL REGOLAMENTO UE 2016/425 DPI

Stanno circolando documenti simili a dei certificati del Tipo di DPI ai sensi del Regolamento UE 2016/425 DPI ma che non lo sono. Alcuni esempi possono essere visualizzati qui:

Fonte: www.accredia.it


www.appaltiecontratti.it