Soccorso istruttorio anche per il contributo ANAC: il tardivo pagamento non comporta l’esclusione dell’offerta

Autore:

L’art. 1.67 della L. n. 266/2005, secondo cui è condizione di ammissibilità dell’offerta l’obbligo di versamento del contributo ANAC, non esclude l’interpretazione “euro unitariamente” orientata della disposizione a che il versamento possa essere tardivo

Il Tar Lazio, richiamando la giurisprudenza della Corte di Giustizia (sent. 2 giugno 2016, C-27/15), ha chiarito che per la legittima ammissione alla gara il PassOE può essere prodotto dall’impresa anche a seguito della presentazione della domanda di partecipazione, in particolare, in esito alla procedura del soccorso istruttorio.

Infatti, ciò che rileva è che si sia perfezionato il prerequisito fondamentale della registrazione presso i servizi informatici prima della scadenza del termine per partecipare alla gara.

In caso contrario, non si ravviserebbero i margini per procedere al soccorso istruttorio in quanto non si tratterebbe più di rendere ex novo ovvero di integrare o regolarizzare ex post una dichiarazione, ma, viceversa, di adempiere tardivamente ad un obbligo di legge.

Al riguardo, i giudici amministrativi hanno ricordato come nella materia dei contratti pubblici sia oramai prevalente il principio di massima partecipazione rispetto a quello di par condicio dei concorrenti alla luce del disposto di cui all’art. 83 D.Lgs. n. 50/2016.

Tale norma consente, infatti,di sanare la mancanza di elementi essenziali purché gli stessi non riguardino l’offerta tecnica ed economica, ovvero non consentano l’individuazione del contenuto dell’offerta o del soggetto proponente, mediante apposita richiesta della stazione appaltante entro un termine perentorio, scaduto il quale l’offerta va esclusa.

>> Consulta massima e testo integrale della sentenza TAR Lazio Roma sez. III bis 6/11/2017 n. 11031

Rimani sempre aggiornato

Il soccorso istruttorio nel codice dei contratti pubblici

Il soccorso istruttorio nel codice dei contratti pubblici

Nella rinnovata cornice normativa dei contratti pubblici, uno spazio senza dubbio rilevante è occupato dall’istituto del soccorso istruttorio, anzitutto per il momento assai delicato e determinante su cui lo stesso viene a incidere, ovverosia la fase di selezione e individuazione dell’operatore economico cui affidare il contratto.

Codificato al fine di imprimere un decisivo e concreto approccio sostanzialista alla regolazione del confronto tra le stazioni appaltanti e le imprese, nel rispetto dei fondamentali principi di concorrenza e apertura al mercato, sin dalla sua prima normazione, nella disciplina previgente di cui al d.lgs. n. 163/2006, il soccorso istruttorio ha tuttavia rivelato le molteplici e complesse problematiche sottese alla sua applicazione pratica, che hanno impegnato costantemente gli operatori del settore e, sopra tutti, l’ANAC e la giurisprudenza, in una rilevante, continua e delicata opera di specificazione e perimetrazione della portata effettiva di tale istituto e delle diverse implicazioni che ne discendono.

In questo contesto, oggi ulteriormente ridefinito nelle regole dopo l’avvento del decreto correttivo (d.lgs. n. 56/2017) che ha modificato diverse parti del nuovo Codice dei contratti pubblici di cui al d.lgs. n. 50/2016 (e anzitutto quella, per l’appunto, afferente al soccorso istruttorio di cui all’art. 83, comma 9), la presente opera intende dunque offrire un contributo operativo sull’inquadramento e l’applicazione della disciplina di riferimento,  anche attraverso la ricostruzione dell’evoluzione normativa e interpretativa che il soccorso istruttorio ha conosciuto sin dalle proprie origini (v. le riforme apportate al previgente d.lgs. n. 163/2006 nel 2011 e nel 2014) e fino ad oggi, con un particolare focus su alcuni dei principali temi e casi pratici sottoposti al vaglio della più recente giurisprudenza, nonché sulle indicazioni operative, purtroppo non sempre univoche e risolutive, che se ne possono trarre.

 

Giuseppe Fabrizio Maiellaro,  Avvocato, iscritto al Foro di Roma e patrocinante in Cassazione, è specializzato in materia di contratti pubblici e opera su tutto il territorio nazionale, prestando da diversi anni, in favore di committenze e imprese, attività di consulenza e assistenza giudiziale e stragiudiziale in procedimenti civili, amministrativi, arbitrali e innanzi all’ANAC. 

Leggi descrizione
Giuseppe Fabrizio Maiellaro, 2018, Maggioli Editore
14.90 €

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *