Anticorruzione e appalti

Martedì 7 giugno 2022 – ore 9.00 – 13.00
Docente: Cristiana Bonaduce

Il corso, di taglio operativo, affronta il tema relativo alla prevenzione della corruzione (Legge n. 190/2012) in rapporto alle varie fasi del ciclo dei contratti pubblici (Decreto Legislativo n. 50/2016).

Per ciascuna fase saranno analizzati gli obblighi imposti dalla normativa anticorruzione e, in particolare, i profili di rischio e le relative misure di prevenzione, per poi evidenziare compiti e responsabilità delle varie figure professionali (in particolare, RUP, DEC, DL e RPCT).

Un apposito focus sarà dedicato al ruolo del RUP e alle disposizioni anticorruzione in materia di affidamenti sottosoglia, anche alla luce delle indicazioni contenute nelle Linee guida ANAC n. 3 e n. 4.

Contestualmente si approfondiranno gli aspetti di carattere trasversale legati alla gestione dei conflitti di interesse (Linee guida ANAC n. 15), al divieto di cd “pantouflage”, nonchè agli obblighi di trasparenza e pubblicazione.

Ampio spazio sarà riservato all’illustrazione casi pratici, interpretati in base agli orientamenti più significativi dell’ANAC e della giurisprudenza.

PROGRAMMA

Quadro normativo

• La Legge n. 190/2012 e i Decreti attuativi: la nozione di corruzione.

• Il Decreto Legislativo n. 33/2013: la trasparenza quale strumento di lotta alla corruzione; le Linee guida ANAC.

• Anticorruzione e trasparenza nei contratti pubblici: il quadro normativo.

• I provvedimenti ANAC:

–        l’approfondimento PNA 2015;

–        il PNA 2019;

–        l’aggiornamento 2021.

• La prevenzione del rischio e la mappatura dei processi.

• Le Linee guida ANAC n. 3 e n. 4.

• La gestione del conflitto di interessi: in particolare le Linee guida ANAC n. 15 e l’art. 42 del Codice dei contratti pubblici.

 

La prevenzione della corruzione nelle varie fasi del ciclo degli appalti

• Individuazione dei rischi, anomalie e misure di prevenzione nella fase di programmazione e progettazione della gara:

–        analisi e definizione dei bisogni (strumenti di programmazione);

–        progettazione, verifica e validazione del progetto;

–        nomina del RUP e precedenti penali ostativi;

–        determinazione tipologia contrattuale, importo e procedura;

–        individuazione degli elementi essenziali del contratto e pubblicazione del bando.

• Individuazione dei rischi, anomalie e misure di prevenzione nella fase di selezione del contraente:

–        gestione della documentazione;

–        commissione di gara (incompatibilità, conflitto di interessi, obblighi dichiarativi e verifiche);

–        verifica dei requisiti;

–        valutazione delle offerte e verifica dell’anomalia;

–        aggiudicazione provvisoria (il cd. Pantouflage e le relative verifiche).

• Individuazione dei rischi, anomalie e misure di prevenzione nella fase di verifica, aggiudicazione e stipula del contratto:

–        verifica dei requisiti ai fini della stipula;

–        comunicazioni e pubblicazioni;

–        aggiudicazione definitiva e stipula.

• Individuazione dei rischi, anomalie e misure di prevenzione nella fase di esecuzione del contratto:

–        nomina DL/DE e coordinatore della sicurezza (misure di gestione del conflitto di interessi e rischi connessi alla fase esecutiva del contratto);

–        modifiche e varianti;

–        subappalto;

–        verifiche e pagamenti;

–        obblighi di trasparenza.

• Individuazione dei rischi, anomalie e misure di prevenzione nella fase di rendicontazione:

–        il collaudo e i profili di possibili conflitti di interesse.

 

La trasparenza come misura generale e specifica di prevenzione della corruzione nel ciclo degli appalti

• La sezione “Bandi di gara e contratti”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.