L’appalto del servizio di pulizia degli immobili pubblici

Venerdì 6 maggio 2022 – ore 9.30 – 12.30
Docente: Alberto Ponti

Il corso esamina le peculiarità che contraddistinguono l’appalto del servizio di pulizia.

Particolare attenzione sarà riservata alla gestione di alcune fasi:

– dalla rilevazione dei bisogni alla scelta della migliore procedura di gara;

– dalla qualificazione della ditta alla verifica dell’anomalia dell’offerta;

–  dagli aspetti contrattuali alle modalità di controllo del servizio svolto.

PROGRAMMA

La rilevazione dei bisogni

• Individuazione della struttura competente e del referente di contratto.

• Analisi della situazione concreta all’interno dell’Ente.

• Definizione degli obiettivi.

 

L’individuazione del metodo di gara

• Esame delle diverse soluzioni.

• Le procedure aperte e ristrette: casi, differenze e documentazione necessaria.

• Gli aspetti peculiari derivanti dall’adesione ai contratti di facility management posti in essere dalle centrali di committenza.

 

La redazione della documentazione di gara

• La relazione-stima.

• Il capitolato descrittivo e prestazionale di appalto:

–          tipologie;

–          definizione degli aspetti salienti;

–          individuazione delle clausole e condizioni da inserire nel documento.

• Il bando e il disciplinare di gara.

• Gli avvisi per la pubblicità.

• Il DUVRI.

• Lo schema di contratto.

• L’avviso di aggiudicazione.

 

La determinazione dei prezzi contrattuali e del costo del personale

• Criteri di riferimento.

• Tecniche di analisi.

• Verifiche.

• La determinazione del costo del personale da indicare nei documenti di gara.

• L’obbligo di inserimento della clausola sociale:

–          la stesura della clausola;

–          il progetto di reinserimento;

–          le forme di controllo in sede di esecuzione.

 

I criteri ambientali minimi (CAM)

• La normativa di riferimento.

• Analisi di alcune tipologie di CAM da inserire nei documenti di gara.

• La premialità dei criteri ambientali ulteriori rispetto ai minimi stabiliti.

• La verifica del rispetto dei criteri ambientali in sede di esecuzione.

 

La qualificazione dei concorrenti

• I requisiti di ordine generale ed i motivi di esclusione dalla gara.

• Le capacità economiche e finanziarie.

• Le capacità tecnico-professionali.

• L’iscrizione nei registri professionali.

• La certificazione di qualità.

• L’avvalimento dei requisiti e la differenza con il subappalto.

• Le forme di controllo e verifica dei requisiti.

• La Banca dati nazionale dei contratti pubblici ed il fascicolo virtuale dell’operatore economico dopo il cd. Decreto “Semplificazione bis” (D.L. n. 77/2021).

 

I criteri di aggiudicazione

• La metodologia da adottare per l’individuazione del criterio più adeguato in relazione alla singola fattispecie.

• L’offerta economicamente più vantaggiosa: individuazione dei parametri da valutare.

• Il confronto a coppie e le indicazioni fornite dall’ANAC.

 

La valutazione dell’anomalia dell’offerta

• L’anomalia rispetto alla prestazione.

• Il procedimento di verifica e il contraddittorio con la ditta.

• Le verifiche rispetto all’applicazione dei contratti collettivi di lavoro.

 

La gestione del contratto

• La verifica delle prestazioni.

• Il controllo del servizio appaltato: dal capitolato all’esecuzione.

• Le ipotesi di penale e di grave errore contrattuale.

• Il pagamento del corrispettivo.

• I servizi aggiuntivi.

• Il rinnovo esplicito, la proroga del contratto e la proroga tecnica: differenze.

• La revisione dei prezzi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.