Clausola sociale, costo del personale e oneri della sicurezza negli appalti pubblici

Venerdì 25 marzo 2022 – ore 9.30 – 12.30
Docente: Alberto Ponti

L’art. 50 del Codice dei contratti disciplina le clausole sociali, finalizzate a garantire la continuità occupazionale dei lavoratori, con il loro passaggio alle dipendenze del nuovo appaltatore in caso di cambio di appalto; peraltro l’art. 36 del Codice ha introdotto l’obbligo di utilizzare le clausole sociali anche per appalti di importo inferiore alla soglia comunitaria.

Tale clausola genera da sempre numerose incertezze applicative: motivo per il quale l’ANAC ha approvato apposite Linea guida per fornire alle stazioni appaltanti gli opportuni chiarimenti.

Altra tematica molto dibattuta, in gara e nella fase di aggiudicazione, è quella riguardante il costo della manodopera e gli oneri della sicurezza, spesso oggetto di potenziale contenzioso.

Il corso, di taglio pratico, suggerisce i comportamenti da adottare per rispettare principi e finalità delle disposizioni in materia, anche alla luce degli orientamenti giurisprudenziali più significativi.

PROGRAMMA

La clausola sociale

• Gli articoli 36 e 50 del Codice dei contratti.

• Le diverse tipologie di clausola sociale.

• La finalità della clausola.

• Esclusione, obbligo o facoltà di applicazione della clausola.

• Le modalità di inserimento della clausola nei documenti di gara.

• La clausola sociale negli appalti di importo inferiore alla soglia comunitaria.

• Le Linee guida ANAC n. 13.

• L’assorbimento del personale utilizzato dall’impresa uscente.

• La modalità di calcolo del personale ai fini dell’assorbimento.

• L’indicazione, in sede di gara, del personale impiegato nel servizio dalla ditta uscente.

• Il progetto di riassorbimento da presentare in sede di gara.

• Il rapporto con il CCNL.

• Il mancato adempimento alla clausola sociale: conseguenze.

• Gli orientamenti più significativi della giurisprudenza e dell’ANAC.

• Pari opportunità, generazionali e di genere, nei contratti pubblici PNRR e PNC dopo la Legge n. 108/2021, di conversione del D.L. n. 77/2021 (cd. Decreto “Semplificazione bis”): profili essenziali.

 

Il costo del lavoro e della sicurezza

• L’indicazione del costo della manodopera e di costi della sicurezza nei documenti di gara.

• I minimi tabellari ed il costo medio del lavoro.

• L’obbligo di indicazione in gara, da parte dei concorrenti, del costo della manodopera e degli oneri aziendali concernenti l’adempimento delle disposizioni in materia di salute e sicurezza: casi di esclusione.

• La differenza tra costi della sicurezza ed oneri aziendali in materia di salute e sicurezza.

• Gli orientamenti più significativi della giurisprudenza.

• La verifica del costo del personale propedeutica alla aggiudicazione: il procedimento e la verbalizzazione. Differenza con il procedimento di verifica dell’anomalia dell’offerta.

• Il rispetto del CCNL cosiddetto leader nella zona e nel settore di riferimento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.