MAGGIOLI EDITORE - Appalti & Contratti


Appalti in Sanità. Auspici per il nuovo anno
A cura di Annalisa Damele

Il 2021 è stato, seppure con le criticità ben note, un anno costellato da buoni auspici per gli appalti in Sanità.

Vi sono stati, infatti, alcuni, seppure timidi, tentativi di intervenire su talune delle annose problematiche che attanagliano il settore (e, più, in generale quello degli appalti pubblici), che si auspica abbiano seguito nel nuovo anno.

* * *

a) Si pensi, per esempio, alla spinosa questione delle proroghe relative ai contratti per il quali le Amministrazioni hanno l’obbligo di ricorrere a Consip o alle altre centrali di committenza[1].

È noto che la problematica assume quotidiana rilevanza, soprattutto per le amministrazioni che operano nel settore sanitario in quanto

Allo stato attuale, infatti, l’obbligo per gli Enti Sanitari Nazionali di approvvigionarsi necessariamente a livello centralizzato/aggregato per molte categorie – fondamentali – di beni e servizi [2] crea un impasse rilevante in quanto accade soventemente che le convenzioni centralizzate siano scadute e la gara per il nuovo affidamento delle medesime si protragga per lungo tempo.

Ecco, quindi, che si pone agli enti sanitari il problema della gestione del periodo compreso tra la scadenza delle precedenti convenzioni non più rinnovabili e l’aggiudicazione della gara centralizzata.

CONTINUA A LEGGERE…

Non sei abbonato?

Clicca qui e contattaci per informazioni o password di prova al servizio

oppure

Chiamaci al numero 0541.628200
dal Lunedì al Venerdì, dalle 8.30 alle 17.30

Vuoi accedere ai contenuti di Appalti&Contratti senza attivare un abbonamento?

Acquista la nostra A&C Card per avere 3 mesi di accesso ai contenuti di Appalti&Contratti.it

VAI ALLO SHOP MAGGIOLI EDITORE

 


www.appaltiecontratti.it