MAGGIOLI EDITORE - Appalti & Contratti


Punti interrogativi e criticità della verifica dei requisiti semplificata entro i 40.000 euro
A cura di Pier Luigi Girlando

A cura di Pier Luigi Girlando

Il nuovo Codice dei contratti pubblici –coerentemente con i principi (rectius, “super principi”) del risultato e della fiducia di cui agli art. 1 e 2 del Dlgs 36/2023 – ha previsto un sistema ultra-semplificato in tema di verifica dei requisiti, per quanto concerne gli affidamenti diretti di importo inferiore ad euro 40.000.

Si tratta, a ben vedere, di una disposizione che evoca in parte la suddivisione a scaglioni delle linee guida ANAC n.4 in cui l’Autorità prevedeva, per il RUP, la possibilità di procedere a controlli ridotti che andavano intensificandosi via via che l’importo dell’affidamento diventata più consistente.

Nello specifico, tale regime alleggerito si caratterizzava per una ripartizione in tre fasce di importo:

CONTINUA A LEGGERE….


www.appaltiecontratti.it