La revisione dei prezzi è discrezionale da parte dell’Amministrazione

revisione-dei-prezzi-appalti

Il Consiglio di Stato, con la sentenza del 25/1/2016 n. 255, ha evidenziato che in materia di revisione prezzi la fase anteriore al riconoscimento della spettanza del diritto, è caratterizzata dalla discrezionalità dell’Amministrazione nel riconoscere la spettanza del trattamento ed il ricorrere dei suoi presupposti; sicché la decisione negativa adottata dall’Amministrazione in proposito va impugnata nel termine di decadenza previsto in via generale per i provvedimenti non aventi contenuto paritetico.

Pertanto in caso di risposta negativa dalla parte della Pa, il provvedimento va impugnato tempestivamente.

Tale sentenza si collega a delle precedenti sentenze dello stesso consiglio in cui è stato affermato che il diritto alla revisione dei prezzi soggiace alla prescrizione quinquennale, alla stregua del diritto al pagamento dei singoli ratei, atteso che non è altro che il diritto ad un diverso e più vantaggioso calcolo del corrispettivo spettante al prestatore del servizio.

Si segnala da ultimo la sentenza del Consiglio di Stato, Sezione 3, Sentenza n. 5128 del 22 ottobre 2013: “Il diritto alla revisione prezzi soggiace alla prescrizione quinquennale atteso che non è altro che il diritto ad un diverso e più vantaggioso calcolo del quantum spettante al prestatore del servizio; pertanto esso si prescrive, per ciascun rateo del corrispettivo contrattuale, a decorrere dal termine di pagamento del rateo, se questo non venga pagato, ovvero del diritto alla integrazione, se il rateo venga pagato in un importo inferiore a quello contrattualmente dovuto e, poiché il diritto al pagamento dei singoli ratei è soggetto a prescrizione quinquennale, questo è il termine da applicare anche al diritto di chiedere la revisione.”, richiamata di recente anche dal Tar Campania nella snetenza 5409 del 22 ottobre 2014.

Si osserva infine che tale orientamento è coerente con l’art. 2948 c.c. n.4, che dispone la prescrizione quinquennale per tutto ciò che deve pagarsi periodicamente ad anno o a periodi più brevi, cioè di tutte le obbligazioni periodiche e di durata.

VAI AL TESTO DELLA SENTENZA

Gli appalti pubblici dopo la Legge di Stabilità 2016, il Decreto Milleproroghe e il Collegato Ambientale

Gli appalti pubblici dopo la Legge di Stabilità 2016, il Decreto Milleproroghe e il Collegato Ambientale


Alessandro Massari , 2016, Maggioli Editore


58,00 € Acquista

su www.maggiolieditore.it


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>