Conferenza delle Regioni: audizione su nuova disciplina contratti pubblici

conferenza-regioni-599x275

Una delegazione della Conferenza delle Regioni è intervenuta all’Audizione – presso la Commissione Lavori pubblici del Senato – sullo stato di attuazione e sulle ipotesi di modifica della nuova disciplina sui contratti pubblici. A guidare la delegazione Fulvio Bonavitacola (vicepresidente della regione Campania) Coordinatore della Commissione Infrastrutture della Conferenza delle Regioni, che ha presentato il documento approvato dalla Conferenza delle Regioni del 29 settembre.

“Le Regioni – ha spiegato Bonavitacola – hanno espresso parere favorevole al nuovo Codice dei contratti pubblici con alcune osservazioni e richieste emendative. Abbiamo apprezzato la leale collaborazione del Governo nei lavori di predisposizione del provvedimento, e quindi il parere è sostanzialmente positivo. Della riforma del settore dei contratti pubblici condividiamo infatti anche l’impianto generale e gli obiettivi, come quello di qualificare tutti gli attori pubblici interessati.

Restano però alcune criticità – evidenza Bonavitacola – nell’attuazione alle nuove disposizioni. Va migliorata la semplificazione, l’efficienza e la rapidità operativa, al fine di non allungare ulteriormente il processo di realizzazione di un’opera pubblica.

Le Regioni ritengono pertanto possibile – afferma Bonavitacola – conciliare l’efficienza amministrativa con i principi di trasparenza e moralità pubblica. Siamo convinti della centralità delle opere pubbliche per rilanciare l’economia del nostro Paese, ma per raggiungere questo obiettivo vanno superati tutti gli ostacoli normativi, compreso il rigido rispetto dei saldi di bilancio, che si frappongono ancora all’agilità del percorso attuativo.

Ad esempio alcuni istituti nel nuovo Codice sono talvolta regolati da disposizioni collocate in diverse sue parti, e quindi chi lo deve applicare può avere difficoltà nell’accedere al completo quadro normativo. Per tale aspetto – sottolinea Bonavitacola – un ruolo di supporto potrebbe essere fornito dalla Cabina di regia e dall’ANAC nell’ambito delle competenze previste dal Codice.

Si evidenzia inoltre la difficoltà derivante dall’obbligo di porre a base di gara il progetto esecutivo anche per opere minori, con l’obbligatoria applicazione del criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa. L’utilizzo del criterio qualità/prezzo allunga i tempi delle procedure di gara e aumenta i costi legati alla gestione delle commissioni. Pertanto si propone di aumentare a 2 milioni di euro la soglia”.

Roma, 04 ottobre 2016

ALLEGATO
AUDIZIONE 29/9/2016: DOCUMENTO SU INDAGINE CONOSCITIVA SULLO STATO DI ATTUAZIONE E SULLE IPOTESI DI MODIFICA DELLA NUOVA DISCIPLINA SUI CONTRATTI PUBBLICI

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>