La fatal terna di subappaltatori

terna

C. Bigi (www.appaltiecontratti.it 29/11/2016)

Non vi è dubbio che uno dei problemi più delicati che il nuovo codice si è portato dietro è quello della disciplina della terna di subappaltatori che obbligatoriamente deve essere indicata in gara, nel caso di opere non classificabili come S.I.O.S. (1).

Una disciplina alquanto lacunosa che è però accompagnata da conseguenze assai serie per l’operatore economico che si trova già a dover affrontare gare senza che da parte della giurisprudenza e, soprattutto, da parte di Anac vi siano stati pronunciamenti.

A questo proposito si può tentare di colmare l’enorme lacuna di legge attraverso un’interpretazione sistematica che faccia riferimento anche alla disciplina europea e che ovviamente non sarà esente da rilievi, critiche e dissensi.

Intanto ci si può domandare se questa terna sia formata da semplici candidati subappaltatori, fra cui il concorrente, in caso di aggiudicazione, potrà scegliere quello a cui affiderà il subappalto, ovvero da subappaltatori già contrattualizzati dal concorrente con un impegno di carattere preliminare condizionato all’aggiudicazione definitiva, o con un impegno unilaterale.

>> CONTINUA A LEGGERE….

Per continuare a leggere il contenuto di questa pagina è necessario essere abbonati.
Se sei già un nostro abbonato, effettua il login.
Se non sei abbonato o ti è scaduto l’abbonamento
>>ABBONATI SUBITO<<

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>