La riforma della Costituzione non avrebbe salvato la legge Madia dall’incostituzionalità

corte-costituzionale

L. Oliveri (La Gazzetta degli Enti Locali 29/11/2016)

Lo smacco subito dal Governo per effetto della sentenza della Consulta 251/2016 che ha letteralmente schiantato la Riforma Madia su dirigenza, lavoro pubblico, servizi pubblici locali, è clamoroso.

Masticando amaro, il premier ha dichiarato che la sentenza della Corte costituzionale è l’esatta dimostrazione della necessità della riforma costituzionale, in quanto se fosse stata vigente non vi sarebbe stata la possibilità di appoggiarsi al “cavillo” che rende incostituzionale la legge 124/2015 nelle parti ove, violando il principio di leale collaborazione tra Stato e Regioni, ha previsto il semplice parere non vincolante delle regioni in sede di Conferenza unificata, invece della necessaria “intesa” in Conferenza Stato-Regioni.

Le affermazioni del premier e di molti altri esponenti di Governo e maggioranza parlamentare, tuttavia, debbono essere passate al vaglio, per controllare se non siano semplici (per quanto legittimi) slogan da campagna referendaria.
È, quindi, necessario verificare i contenuti della legge costituzionale di riforma della Costituzione, per dimostrare davvero la sua vigenza avrebbe evitato l’affondamento della riforma Madia.

>> CONTINUA A LEGGERE….

Per continuare a leggere il contenuto di questa pagina è necessario essere abbonati.
Se sei già un nostro abbonato, effettua il login.
Se non sei abbonato o ti è scaduto l’abbonamento
>>ABBONATI SUBITO<<

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>