Appalti: CIG, deve essere inserito già nella determinazione a contrarre

determinazione a contrarre

È sicuramente degna di nota la recente delibera dell’ANAC n. 1/2017 rubricata “Indicazioni operative per un corretto perfezionamento del CIGcon cuisi danno indicazioni alle stazioni appaltanti su tempi e modalità per l’acquisizione del CIG e su il suo perfezionamento e mancato perfezionamento”.

a cura di Stefano Usai

Premessa

L’atto è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 26 del 1 febbraio 2017 ed entrerà in vigore 15 giorni dopo la pubblicazione.
La prima annotazione riguarda proprio la questione dei 15 giorni, a sommesso avviso, assolutamente non necessari soprattutto se rapportati al fatto che altri provvedimenti, si pensi al codice – sono entrati immediatamente in vigore.
Sono interessanti alcune annotazioni, soprattutto, in tema di collocazione temporale della richiesta del codice di gara precisata dall’ANAC rispetto a quello che – almeno negli Enti locali – accade nella realtà pratica operativa (o dovrebbe accadere) anche alla luce dei necessari controlli interni da parte del responsabile dei servizi finanziari. Soggetto questo che si inserisce, inevitabilmente, nel procedimento contrattuale non foss’altro per la registrazione della prenotazione di impegno di spesa relativo alla determinazione a contrarre.

>> CONTINUA A LEGGERE….

Per continuare a leggere il contenuto di questa pagina è necessario essere abbonati.
Se sei già un nostro abbonato, effettua il login.
Se non sei abbonato o ti è scaduto l’abbonamento
>>ABBONATI SUBITO<<

Il rup negli appalti

Il rup negli appalti


Stefano Usai , 2016, Maggioli Editore

Il filo conduttore dell’opera – che guida l’Autore nell’analisi delle disposizioni contenute nel D.Lgs. 50/2016 e nelle Linee guida ANAC – è il RUP e l’attività istruttoria che è chiamato a condurre. Il RUP quale momento centrale del...


84,00 € Acquista

su www.maggiolieditore.it


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *