Gli obblighi formativi del RUP nelle nuove linee guida ANAC

obblighi formativi

RUP e obblighi formativi: per la p.a. solo responsabili doc, ma senza abilitazione

a cura di Nicola Lopane – Dirigente responsabile Sezione Gestione Integrata Acquisti Regione Puglia

Il nuovo codice dei contratti pubblici introduce un apposito sistema di qualificazione delle stazioni appaltanti. A termini della norma, non ancora attuata, la qualificazione dovrà attestare la capacità di gestire direttamente, secondo criteri di qualità, efficienza e professionalizzazione, e dei principi di economicità, efficacia, tempestività e correttezza, l’insieme delle attività che caratterizzano il processo di acquisizione di un bene, di un servizio o di un lavoro. Gli ambiti di attività coinvolti sono la programmazione e progettazione, la gestione e verifica della fase di affidamento e la gestione e verifica delle fasi di esecuzione, collaudo e messa in opera.

La qualificazione, dunque, consentirà alle stazioni appaltanti di mantenere la capacità di espletare la propria attività, e dunque di acquisire il CIG.
Le stazioni appaltanti che non intendono fare domanda di qualificazione devono individuare il soggetto di riferimento che intende qualificarsi e che espleterà, anche per loro conto, la funzione di stazione appaltante.

Il sistema di qualificazione è basato su una serie di requisiti base, tra i quali un adeguato e qualificato organico e un sistema di formazione ed aggiornamento del personale che opera all’interno della stazione appaltante.

>> CONTINUA A LEGGERE…

Per continuare a leggere il contenuto di questa pagina è necessario essere abbonati.
Se sei già un nostro abbonato, effettua il login.
Se non sei abbonato o ti è scaduto l’abbonamento
>>ABBONATI SUBITO<<

formazione_maggioliLe procedure di aggiudicazione e il RUP
dopo il correttivo, il bando-tipo e le nuove Linee guida ANAC
Bologna, 6 novembre 2017
Roma, 7 novembre 2017

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *