L’incarico al legale per patrocinare la lite già esistente non è un appalto (e solo in modo assolutamente residuale può essere assegnato direttamente)

A cura di
appalto di servizi

Le recenti Linee guida ANAC n. 12 in tema di assegnazione/affidamento di servizi legali, oltre a fornire “modelli” virtuosi di azione amministrativa forniscono il chiarimento (tanto) atteso in tema di esatta configurazione – in termini di appalto o meno – degli incarichi legali

Le recenti Linee guida ANAC n. 12 (nel prosieguo solo LG 12), approvate con la deliberazione n. 907/2018  – in tema di assegnazione/affidamento di servizi legali – pubblicate in G.U. del 13 novembre 2018 n. 264, per ciò che in questa sede interessa trattare, oltre a fornire “modelli” virtuosi di azione amministrativa forniscono il chiarimento (tanto) atteso in tema di esatta configurazione – in termini di appalto o meno – degli incarichi legali.

La conclusione a cui giunge l’ANAC non è dissimile da quella che oramai, da diversi anni, si era imposta in giurisprudenza (e nei pareri della Corte dei conti).

>> CONTINUA A LEGGERE…

Per continuare a leggere il contenuto di questa pagina è necessario essere abbonati.
Se sei già un nostro abbonato, effettua il login.
Se non sei abbonato o ti è scaduto l’abbonamento
>>ABBONATI SUBITO<<

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *