La disciplina applicabile agli incentivi per funzioni svolte dai dipendenti tecnici

incentivi

Incentivi per funzioni svolte dai dipendenti tecnici: l’interessante deliberazione della Corte dei conti, Sezione per il controllo della Regione Piemonte, 9 ottobre 2017, n.177

Ai fini della individuazione della disciplina applicabile, si ha riguardo al momento effettivo di svolgimento dell’attività da parte del dipendente fino all’entrata in vigore del d.lgs. 50/2016.

Successivamente, stante l’espressa previsione dell’art. 216 d.lgs. 50/2016, si ha riguardo alla data di pubblicazione del bando con la conseguenza che si applica l’art. 113 d.lgs. 50/2016 a tutte le attività poste in essere in relazione a procedure il cui bando sia stato pubblicato dopo l’entrata in vigore del nuovo codice dei contratti pubblici.

I regolamenti attuativi adottati dall’ente non possono avere effetti retroattivi e la loro adozione è necessaria per potere distribuire gli incentivi fra i dipendenti tecnici.

Qualora, tuttavia, l’Ente abbia provveduto ad accantonare le risorse economiche sulla base della norma di legge, è possibile con regolamento disciplinare la distribuzione delle risorse anche in relazione ad attività incentivabili svolte prima dell’emanazione del regolamento purché sussista uniformità fra la disciplina normativa che disciplina l’accantonamento e quella che disciplina la distribuzione delle risorse.

>> CONSULTA LA DELIBERAZIONE DELLA CORTE DEI CONTI (PIEMONTE) 9 OTTOBRE 2017, n. 177

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *