Riforma appalti: per FINCO gravi passi indietro nel correttivo

riforma appalti

Finco, riforma appalti: nessun passo indietro sul subappalto e sui i lavori in house delle concessionarie

In un comunicato stampa del 21 febbraio, il presidente Finco (Federazione Industrie Prodotti Impianti Servizi ed Opere Specialistiche per le Costruzioni) Carla Tomasi, commenta non senza qualche perplessità, la bozza di decreto correttivo ricevuta nell’ambito della consultazione promossa dalla Presidenza del Consiglio.

Il testo che abbiamo ricevuto la sera di venerdì scorso da parte della Presidenza del Consiglio per acquisire un parere scritto entro la mezzanotte di mercoledì prossimo (cinque giorni in tutto, di cui tre lavorativi) in merito al decreto correttivo del Codice degli Appalti fa registrare alcuni gravi passi indietro, ed è in alcuni passaggi non rispondente alla Legge di delega al Governo, al lavoro effettuato dal Legislatore per due anni ed a quello effettuato dallo stesso Governo fino a poco tempo fa– afferma la Presidente Finco Carla Tomasi”

In particolare è reputato grave l’allargamento della possibilità di subappalto limitando il tetto del 30% alla sola categoria prevalente e non a tutta l’opera ed è altresì grave che nelle lavorazioni superspecialistiche le peculiarità che devono dimostrare le imprese vengano spostate dal livello dell’esecuzione a quello della qualificazione.

Con riferimento a quest’ultimo punto, si legge nel comunicato stampa, è evidente che le caratteristiche di particolare specialità debbano essere dimostrate sia nel momento della qualificazione che in quello dell’esecuzione, ma la modifica proposta fa intravedere il pericolo che si voglia conservare la forma della qualificazione senza dare sostanza alla esecuzione, consentendo a chiunque di eseguire (tanto più che in questo Codice non è stata ripresa la puntuale previsione dell’art. 40 del vecchio d.lgs. 163/06 dove chiaramente si affermava che bisogna essere qualificati per eseguire).

Non è poi condivisibile, in particolare, la modifica introdotta dall’articolo 177 che ha previsto che i concessionari possano non mandare in gara la manutenzione e i “lavori eseguiti direttamente”. In questo quadro è veramente significativa l’espunzione della definizione di “manutenzione” condivisibilmente inserita in un primo momento.

Con l’emanazione del d.lgs. 50/2016 è stato fatto un egregio lavoro, messo ora in discussione per far rientrare dalla finestra, in extremis e nel ben individuabile interesse di pochi, ciò che il Legislatore ed il Governo avevano giustamente fatto uscire dalla porta e senza che sia successo nulla che lo giustifichi – conclude la Presidente Tomasi”.

Vedi anche

SPECIALE DECRETO CORRETTIVO
A cura dei Appalti&Contratti

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>