Linee guida n. 4: la determina a contrattare semplificata avvia o conclude il procedimento contrattuale?

determina a contrarre

In questo intervento ci si soffermerà sulla questione determina a contrarre semplificata considerate alcune differenze tra schema e linee guida n. 4/2016.

a cura di Stefano Usai

Lo schema delle nuove linee guida n. 4 – in tema di acquisizioni sotto la soglia comunitaria – approvato dall’ANAC il 20 dicembre 2017 e trasmesso al parere del Consiglio di Stato, come già si rilevava nel pregresso contributo, interviene e modifica alcuni aspetti di rilievo sulla questione della verifica dei requisiti dell’affidatario e ritorna sulla questione della determinazione a contrattare semplificata.

La determina semplificata

La questione della determinazione a contrattare semplificata è stata posta durante le consultazioni relative al primo schema di linee guida (poi confluite nelle LG n. 4/2016) e quindi ampiamente ante decreto legislativo correttivo n. 56/2017.

In particolare – come si legge nella relazione tecnica relativa – gli stakeholders investivano l’autorità anticorruzione della possibilità di prevedere in luogo della determina a contrarre e della determina di aggiudicazione, l’adozione di un unico provvedimento, riassuntivo ed esplicativo del procedimento informale all’esito del quale è stato individuato il contraente”.

L’opzione scelta, si legge sempre nella relazione tecnica delle linee guida ancora in vigore è stata quella di prevedere un “contenuto minimo della determina a contrarre o dell’atto ad essa equivalente”.

Prima importante “certezza” quindi è che secondo l’ANAC la determina semplificata non sostituisce la tradizionale determina a contrarre ma, più semplicemente, ha solo un contenuto semplificato.

Questa posizione – ovvero l’impossibilità di predisporre un unico atto che ha delicate implicazioni sotto il profilo delle regole contabili – veniva in realtà disconosciuta dal testo delle linee guida n. 4 in vigore, in cui si legge che nel caso di affidamento diretto e in determinate situazioni la stazione appaltante “può procedere a una determina a contrarre o atto equivalente che contenga, in modo semplificato, l’oggetto dell’affidamento, l’importo, il fornitore, le ragioni della scelta e il possesso dei requisiti di carattere generale”.

È del tutto ovvio che se l’atto contiene l’indicazione del fornitore non è una determina a contrarre – che segna l’avvio della procedura – ma è una determinazione di affidamento (di impegno di spesa) che conclude il procedimento di acquisto.

>> CONTINUA A LEGGERE…

Per continuare a leggere il contenuto di questa pagina è necessario essere abbonati.
Se sei già un nostro abbonato, effettua il login.
Se non sei abbonato o ti è scaduto l’abbonamento
>>ABBONATI SUBITO<<


FORMAZIONE MAGGIOLI
Procedure negoziate, procedure sottosoglia e altre forme di semplificazione negli appalti pubblici
Docenti: A. Ponti, R. Bertolani
Bagnatica, 6 febbraio 2018
Genova, 13 febbraio 2018

Consulta tutte le altre date

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *