L’iper regolamentazione dell’ANAC non si ferma: ora le commissioni

anac

Con la delibera n. 4/2018, ANAC ha aggiornato – alle modifiche codicistiche apportate dal decreto legislativo correttivo n. 56/2017 – anche le linee guida n. 5 relative ai “criteri di scelta dei commissari di gara e di iscrizione degli esperti nell’Albo nazionale obbligatorio dei componenti delle commissioni giudicatrici”.

a cura di Stefano Usai

Le Linee Guida 5 sono state pubblicate nella Gazzetta Ufficiale del 3 febbraio 2018.

Gli adeguamenti rispetto al primo documento sono poste ben in evidenza dall’Authority, aspetto che consente una prima immediata consapevolezza delle modifiche di cui in sintesi si tratterà più avanti.

Il periodo transitorio

Il primo aspetto che merita di essere preso in considerazione – per le evidenti implicazioni pratiche – è quello del periodo transitorio.

Nelle Linee Guida 5 – nelle ultime sezioni – si legge della necessità di predisporre ulteriori (annotazione inedita) linee guida per disciplinare:

  • le procedure informatiche per garantire la casualità della scelta (dei commissari);
  • le modalità per garantire la corrispondenza tra la richiesta di professionalità da parte della stazione appaltante e la sezione (specifica) di riferimento dell’Albo;
  • le modalità per garantire la rotazione degli esperti. Al riguardo rilevano il numero di incarichi effettivamente assegnati (previsione nuova rispetto al primo documento);
  • le comunicazioni che devono intercorrere tra l’Autorità, stazioni appaltanti e i commissari di gara per la tenuta e l’aggiornamento dell’Albo;
  • i termini del periodo transitorio da cui scatta l’obbligo del ricorso all’Albo.

>> CONTINUA A LEGGERE…

Per continuare a leggere il contenuto di questa pagina è necessario essere abbonati.
Se sei già un nostro abbonato, effettua il login.
Se non sei abbonato o ti è scaduto l’abbonamento
>>ABBONATI SUBITO<<

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *