Affidamento di servizi legali, FAQ: le procedure

servizi legali

L’affidamento di servizi legali ex art. 17 del codice appalti alla luce delle Linee guida ANAC n. 12: le procedure (Parte III)

di Amedeo Scarsella

Risulta possibile procedere all’affidamento diretto ad un professionista determinato di uno dei servizi legali di cui all’articolo 17, comma 1, lettera d), del codice appalti?

SI. Ciò però può avvenire solo in presenza di specifiche ragioni logico-motivazionali che devono essere espressamente illustrate dalla stazione appaltante nella determina a contrarre. A titolo esemplificativo ciò può avvenire:

  • nei casi di consequenzialità tra incarichi (come in occasione dei diversi gradi di giudizio) o di complementarietà con altri incarichi attinenti alla medesima materia oggetto del servizio legale in affidamento, che siano stati positivamente conclusi, l’affidamento diretto al medesimo professionista può rispondere ai principi di efficienza ed efficacia e, quindi, al migliore soddisfacimento dell’interesse pubblico; Continua a leggere…
Per continuare a leggere il contenuto di questa pagina è necessario essere abbonati.
Se sei già un nostro abbonato, effettua il login.
Se non sei abbonato o ti è scaduto l’abbonamento
>>ABBONATI SUBITO<<

Documenti collegati

Affidamento di servizi legali ex art. 17 del codice appalti alla luce delle Linee guida ANAC n. 12: indirizzi operativi (Parte I)

Affidamento di servizi legali ex art. 17 del codice appalti alla luce delle Linee guida ANAC n. 12: principi da osservare (Parte II)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *