Analisi di alcune cattive prassi nella predisposizione di atti di gara

contratti tipo

La predisposizione degli atti di gara è senza dubbio una fase delicata della procedura di gara e, per quanto si intravvedano sforzi per arrivare ad una standardizzazione degli stessi (ad esempio l’inascoltato bando tipo per servizi e forniture), non mancano spunti di riflessione leggendo i disciplinari di gara utilizzati anche da amministrazioni importanti, quali i soggetti aggregatori.

di Avv.Vittorio Minierototo@appaltiamo.it

Leggendo atti di gara altrui occorre sapere differire la buona, dalla cattiva prassi.

Si vuole cogliere questa occasione per approfondire alcuni spunti che si trovano in atti di gara pubblicati di recente e che appaiono in tal senso interessanti.

Una amministrazione, nel richiedere il possesso di requisiti minimi agli operatori economici per partecipare ad una gara, prevede nel disciplinare: Continua a leggere….

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *