Verso il Codice appalti 2.0: alcune delle modifiche più significative per le procedure sotto-soglia

codice appalti

Lo schema di decreto correttivo al codice appalti, recepisce alcune delle richieste avanzate dagli operatori delle stazioni appaltanti nel corso della consultazione delle linee guide ANAC n.4/2016 sulle procedure sotto-soglia, ma per buona parte non recepite dall’Autorità.

La semplificazione si indirizza, come era lecito attendersi, sugli affidamenti di importo inferiore a 40.000 euro, dove maggiormente avvertite sono le criticità operative, specie per gli enti di minori dimensioni, e dove le istanze di efficienza e tempestività sono spesso frustrate dalla pletora degli adempimenti formalmente richiesti dalle norme vigenti.

Determinazione a contrattare per importi infra 40.000 euro

Sono state recepite in questo caso le indicazioni previste nelle linee guida ANAC n.4/2016 circa l’ammissibilità, per gli affidamenti infra 40.000 euro, di una determinazione semplificata. Nell’art. 32, comma 2 del Codice si prevede che “Per gli affidamenti di cui all’articolo 36, comma 2, lettera a), la stazione appaltante può avviare la procedura di affidamento diretto tramite determina a contrarre, o atto equivalente che contenga, in modo semplificato, l’oggetto dell’affidamento, l’importo, il fornitore, le ragioni della scelta e il possesso dei requisiti di carattere generale”.

La determinazione a contrarre può dunque coincidere con quella di affidamento, secondo quanto già indicato dall’ANAC nelle predette linee guida.

>> CONTINUA A LEGGERE….

Per continuare a leggere il contenuto di questa pagina è necessario essere abbonati.
Se sei già un nostro abbonato, effettua il login.
Se non sei abbonato o ti è scaduto l’abbonamento
>>ABBONATI SUBITO<<

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>