L’avvalimento e l’indicazione di risorse e mezzi con cui si concreta

Autore:
avvalimento

Il contratto di avvalimento è molto utilizzato dagli operatori economici ma non tutti sanno che, perché sia valido, è necessario specificare dettagliatamente le risorse e i mezzi con cui si concreta

L’avvalimento è uno strumento che consente agli operatori economici privi di alcuni requisiti richiesti da un bando di poter partecipare comunque alla gara facendoseli prestare da altra impresa che ne sia in possesso.

Il Codice degli appalti pubblici prevede che venga fatto specifico riferimento alle risorse oggetto di avvalimento, che dovranno essere sempre indicate a pena di nullità dello stesso.

Infatti l’avvalimento, per la sua natura giuridica di contratto, non può avere un contenuto assolutamente generico e indefinito.

Pertanto è onere dell’impresa concorrente dimostrare che l’impresa ausiliaria non si impegna semplicemente a prestare il requisito soggettivo richiesto, quale mero valore astratto, ma assume l’obbligazione di mettere a disposizione dell’impresa ausiliata le proprie risorse e mezzi in tutte le parti che giustificano l’attribuzione del requisito.

Tale posizione è ormai consolidata in giurisprudenza, come testimoniato dalla recente sentenza n.2338 del TAR Sicilia Catania, sezione I del 6/10/2017, che ha ribadito come sia legittima l’esclusione dalla procedura di gara dell’impresa che abbia prodotto un contratto di avvalimento nel quale non siano state indicate in maniera chiara e determinata le risorse, i mezzi o gli altri elementi necessari messi a disposizione dall’impresa ausiliaria.

Ma in concreto cosa si intende per risorse o mezzi che l’ausiliaria deve mettere a disposizione dell’appalto nell’ambito di un contratto di avvalimento?

Le risorse e i mezzi oggetto del contratto di avvalimento possono consistere, a seconda dei casi, in mezzi, personale, prassi e altri elementi aziendali qualificanti.

Pertanto il contratto di avvalimento deve dettagliare in modo determinato e specifico i mezzi e le risorse con cui si concreti l’avvalimento, che a titolo meramente esemplificativo e non esaustivo potranno consistere in:

– indicazione di mezzi e/o attrezzature;
– indicazione di personale, anche specializzato, e/o tecnici aziendali;
– prassi e altri elementi aziendali qualificanti;
– programma di formazione del personale;
– percorsi di tutoring con visite e ispezioni periodiche;
– ogni altro elemento idoneo ad avvalorare trasferimento di esperienza.

Potranno quindi essere indicati nel contratto nominativi di personale specializzato o targhe di mezzi, che saranno a disposizione dell’appalto.

E’ necessario che le indicazioni siano quanto più circostanziate possibile, evitando citazioni generiche come ad esempio quella all’intera organizzazione aziendale.

Massima attenzione perciò, in relazione alla stesura di un contratto di avvalimento, nell’aver cura di indicare con precisione gli strumenti attraverso i quali l’impresa ausiliaria darà il proprio concreto apporto nell’esecuzione dell’appalto.

Il Codice e la giurisprudenza specifica infatti sono volti a garantire che l’avvalimento sia un elemento concreto e non un semplice accordo che rimanga sulla carta senza trovare piena attuazione nell’appalto a cui è riferito.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *