Inapplicabilità dell’esclusione automatica delle offerte anomale agli affidamenti diretti: la conferma anche nella bozza del nuovo Codice

Autore:

Questione assai discussa è quella della diretta applicazione del meccanismo di esclusione automatica delle offerte anomale agli affidamenti diretti “emergenziali”.

In particolare, ci si chiede se l’art. 1, comma 3, III periodo DL 76/2020 trovi o meno “diretta applicazione” in presenza di cinque offerte ammesse (o, secondo la terminologia corrente nella prassi, “preventivi”) negli affidamenti diretti di cui all’art. 1, comma 2, lett. a) dello stesso DL 76/2020 (infra 150.000 euro per i lavori e 139.000 euro per servizi e forniture), ovviamente laddove preceduti dalla facoltativa “consultazione di più operatori economici” (almeno cinque o più, al fine di acquisire almeno cinque offerte/preventivi “ammessi”), ed in presenza del criterio del prezzo più basso.

CONTINUA A LEGGERE….

Vedi anche

Nuovo Codice appalti: il testo della bozza provvisoria dal Consiglio di Stato
Sono 230 gli articoli che compongono la bozza provvisoria dello Schema preliminare di Codice dei contratti pubblici consegnata dal Consiglio di Stato al nuovo Governo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *