P.a., piano anticorruzione da predisporre entro il 31 gennaio con il Piao. Per gli enti locali il termine scade un mese dopo i bilanci (15 aprile)

di FRANCESCO CERISANO (ItaliaOggi) – (In collaborazione con Mimesi s.r.l.)

16 Gennaio 2024
Scarica PDF Stampa
Modifica zoom
100%
fonte: ItaliaOggi

di FRANCESCO CERISANO (ItaliaOggi) – (In collaborazione con Mimesi s.r.l.)

Le pubbliche amministrazioni avranno tempo fino al 31 gennaio per predisporre e pubblicare il Piano anticorruzione 2024-2026. Una scadenza a cui le p.a. dovranno adempiere nell’ambito dell’adozione del Piao, il Piano integrato di attività e organizzazione, la cui scadenza ordinaria è prevista dalla legge a fine gennaio.

Per gli enti locali, invece, il termine ultimo per l’adozione del Piao sarà per quest’anno fissato al 15 aprile 2024, a seguito del differimento al 15 marzo 2024 del termine per l’approvazione del bilancio di previsione 2024/2026 disposto dal decreto del Ministro dell’interno del 22 dicembre 2023. Per gli enti locali è infatti previsto dalla legge che il termine per approvare il Piano ingrato di attività e organizzazione scada trenta giorni dopo la deadline per i preventivi. A ricordare gli adempimenti è l’Anac in un comunicato del Presidente Giuseppe Busìa approvato dal Consiglio dell’Autorità Anticorruzione.

Secondo quanto stabilito dal Piano nazionale Anticorruzione 2022, le amministrazioni e gli enti con meno di 50 dipendenti godono di un’importante semplificazione. Dopo la prima adozione, possono confermare nel triennio la programmazione adottata nell’anno precedente, se non siano emersi fatti corruttivi o ipotesi di disfunzioni amministrative significative, o non siano state introdotte modifiche organizzative rilevanti, o, ancora, non siano stati modificati gli obiettivi strategici.

Tale conferma deve avvenire con atto motivato dall’organo di indirizzo. Resta fermo, in ogni caso, l’obbligo di adottare un nuovo strumento di programmazione ogni tre anni come previsto dalla normativa.

* Articolo integrale pubblicato su ItaliaOggi del 16 gennaio 2024 (In collaborazione con Mimesi s.r.l.)

Redazione