Gli incarichi esterni affidati ai dipendenti pubblici

1. La fonte e la ratio

Gli incarichi esterni del dipendente pubblico trovano la propria fonte di riferimento nell’art. 53 del d.lgs. n. 165/2001 (Incompatibilità, cumulo di impieghi e incarichi), dove sono previste delle incompatibilità assolute (comma 1 e 1 bis) [1] e divieti che possono essere derogati previa autorizzazione (comma 2), altri che possono considerarsi liberi (parte finale del comma 6)[2].

A ben vedere, l’esclusività della prestazione a favore dell’Amministrazione di appartenenza, nel senso che le energie lavorative sono apprestate a favore del datore di lavoro pubblico, trova un proprio collocamento costituzionale nell’art. 98 Cost., primo comma, «I pubblici impiegati sono al servizio esclusivo della Nazione»: la ratio del divieto si basa proprio nella volontà costituente, in base al principio di imparzialità (ex art. 97 Cost), di sottrarre tutti coloro che svolgono un’attività lavorativa “alle dipendenze” – in senso lato – delle Pubbliche Amministrazioni dai condizionamenti che potrebbero derivare dall’esercizio di altre attività, un centro di interessi alternativo all’ufficio pubblico rivestito implicante un’attività che, in quanto potenzialmente caratterizzata da intensità, continuità e professionalità, pregiudicherebbe il rispetto del cit. dovere di esclusività, con un riflesso possibile di turbare la regolarità del servizio o attenuare l’indipendenza del lavoratore pubblico e conseguentemente il prestigio e l’immagine della P.A.

In effetti, attraverso una fonte regolamentare interna (integrata dalla legge n. 190/2012) è possibile disciplinare le modalità operative finalizzate all’espletamento di un’attività extra ufficio, salva per i casi nei quali direttamente la legge ne dispone, secondo criteri differenziati in rapporto alle diverse qualifiche e ruoli professionali, i divieti (comma 3 bis).

CONTINUA A LEGGERE….

sotto-soglia Gli affidamenti di incarichi esterni e le “nuove” collaborazioni autonome nella P.A.
Procedure di conferimento e liquidazione dei compensi

Corso on-line a cura di Alessandro Cairo
Registrato febbraio 2021

Valido per 365 giorni dall’invio delle credenziali – Durata n. 6 ore

ACQUISTA IL CORSO

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *