Qualificazione nelle ATI: Commento a TAR Lazio Roma, Sez. IV, 14 febbraio 2022, n. 1742

Autore:

Se c’è una cosa di cui il mondo degli appalti non ha certamente bisogno, in un momento come questo, è la progressiva demolizione delle (poche, per la verità) regole, e relative interpretazioni, rimaste ferme nel corso degli ultimi venti anni; un momento, occorre sottolinearlo, nel quale dobbiamo celermente avviare (o mettere a terra, come piace dire ai più) le migliaia di progetti, soprattutto di lavori ed opere pubblici, che scaturiranno dal PNRR e dai bandi emanati dalle varie Autorità titolari delle diverse linee di finanziamento connesse al Piano.

Ed è invece un piccolo terremoto quello che sembra determinarsi dall’arresto del Tribunale amministrativo regionale per il Lazio che ci apprestiamo velocemente a commentare.

In realtà, ai più attenti non era sfuggito il progressivo decadimento di alcune di quelle regole, ferree in quanto appunto basate su oltre un ventennio di posizioni più o meno conformi, che avevano retto il sistema di qualificazione degli operatori economici nelle gare di lavori pubblici.

CONTINUA A LEGGERE….

Non sei abbonato?

Clicca qui e contattaci per informazioni o password di prova al servizio

oppure

Chiamaci al numero 0541.628200
dal Lunedì al Venerdì, dalle 8.30 alle 17.30

Vuoi accedere ai contenuti di Appalti&Contratti senza attivare un abbonamento?

Acquista la nostra A&C Card per avere 3 mesi di accesso ai contenuti di Appalti&Contratti.it

Approfitta dell’offerta lancio a soli 90 Euro invece di 150 Euro!

VAI ALLO SHOP MAGGIOLI EDITORE

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.