Le Corti dei conti sugli incentivi al personale

A cura di Arturo Bianco

Non appartiene alla competenza della magistratura contabile esprimersi con pareri sulla erogazione dell’assegno ad personam ai dipendenti e dirigenti assunti ex articolo 110 TUEL. Agli ausiliari del traffico non possono essere erogati, neppure come previdenza integrativa, una quota dei proventi derivanti dalle sanzioni per l’inosservanza del codice della strada. Ai dipendenti e dirigenti non possono essere corrisposti compensi per la partecipazione a commissioni di concorso nella stessa amministrazione. Gli incentivi per gli avvocati dipendenti e dirigenti dell’ente, cd propine, spettano per i successi con condanna dell’altra parte al pagamento delle spese legali anche se il provvedimento non è una sentenza. Sono queste le principali indicazioni dettate dalle sezioni della Corte dei conti.

L’assegno ad personam agli assunti a tempo determinato ex articolo 110

Le sezioni della Corte dei conti non possono esprimere pareri sulle condizioni che consentono la erogazione dell’assegno ad personam al personale assunto ex articolo 110 del d.lgs. n. 267/2000. È quanto stabilito dalla deliberazione della Sezione Autonomie della Corte dei conti n. 5/2022.

CONTINUA A LEGGERE…..

 

Non sei abbonato?

Clicca qui e contattaci per informazioni o password di prova al servizio

oppure

Chiamaci al numero 0541.628200
dal Lunedì al Venerdì, dalle 8.30 alle 17.30

Vuoi accedere ai contenuti di Appalti&Contratti senza attivare un abbonamento?

Acquista la nostra A&C Card per avere 3 mesi di accesso ai contenuti di Appalti&Contratti.it

Approfitta dell’offerta lancio a soli 90 Euro invece di 150 Euro!

VAI ALLO SHOP MAGGIOLI EDITORE

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.